Zona franca, continuano le trattative
Cappellacci dialoga con Bruxelles

di Daniele Murino | Twitter: @DanieleMurino
Ugo Cappellacci, presidente della Regione (foto: Alessandro Garau)
Ugo Cappellacci, presidente della Regione (foto: Alessandro Garau)

CAGLIARI. Prosegue il lavoro per il riconoscimento della zona franca. Dopo le indiscrezione delle scorse settimane, in questi ultimi giorni il percorso intrapreso dal presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, sembra avere preso una direzione concreta. L’intento è quello di realizzare, entro il mese di giugno, uno scudo fiscale vigente su tutti i comuni dell’Isola.

Per avviare questo percorso, Cappellacci si sta confrontando con l’Unione Europea e in particolare con il presidente della Commissione. Alla base della trattativa c’è un doppio binario normativo. Da una parte l’affermazione contenuta nel trattato di Lisbona, che prevede di ridurre il divario sociale ed economico delle regioni europee. Dall’altra l’autonomia sarda che consente alla Regione di intraprendere questo percorso senza il consenso o l’appoggio dei palazzi romani. “Il riconoscimento della zona franca integrale – ha dichiarato Cappellacci - è una battaglia di tutti i sardi, che va al di là delle appartenenze partitiche, di categoria o di campanile. Abbiamo intrapreso un cammino ambizioso e  percorreremo tutte le strade che possono contribuire a raggiungere in concreto il risultato finale e nella maniera più rapida possibile”.

In questo quadro, però, sembra mancare il tassello fondamentale: una risposta definitiva da parte di Bruxelles sulla nascita della zona franca sarda. Un’assenza condivisa anche dall’eurodeputato Giommaria Uggias, Idv, che questa mattina ha proposto un'apposita interrogazione parlamentare alla Commissione Europea. Senza l’assenso europeo, infatti, è impossibile che la Sardegna si possa emancipare dalla realtà doganale italiana. Quello che non manca, invece, è l’entusiasmo dei cittadini e degli imprenditori sardi. In molti hanno commentato questa notizia con toni trionfalistici: la nascita della zona franca sembra essere l’unico rimedio contro la depressione economica che sta colpendo il nostro territorio. 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Ugo Cappellacci, presidente della Regione (foto: Alessandro Garau)