Zone franche nel nord Sardegna
Si candidano Fertilia e Porto Torres

di Daniele Murino | Twitter: @DanieleMurino
 (foto: Ufficio stampa Comune Porto Torres)
(foto: Ufficio stampa Comune Porto Torres)

PORTO TORRES. Durante la riunione che si è tenuta ieri nel Palazzo del Marchese è stata elaborata una proposta di perimetrazione delle aree che potrebbero rientrare nel regime di zona franca doganale per le merci estero su estero. La proposta sarà portata all’attenzione della Regione Sardegna. «Abbiamo individuato come possibile area da inserire nella zona franca doganale il Centro intermodale delle merci, una zona ampia quattordici ettari, con un capannone di duemila metri quadri e un’area adiacente di circa quaranta ettari che potrebbe essere utilizzata per la movimentazione», afferma il sindaco Beniamino Scarpa. L’area è in possesso dei requisiti urbanistici per tali attività. «Inoltre – prosegue il sindaco – abbiamo pensato di introdurre nell’area a regime di fiscalità agevolata anche il pontile solidi, oggi inutilizzato ma che può diventare una grande risorsa per il nostro territorio». L’altra ipotesi formulata dal tavolo di lavoro prevede che nella zona franca doganale venga inclusa anche l’area di Truncu Reale, oltre a quella di San Marco (per quanto riguarda l’aeroporto di Fertilia).

La Regione dovrà poi sottoporre la perimetrazione all’attenzione del governo nazionale. «La zona franca doganale – prosegue Beniamino Scarpa – ha effetti sulla tassazione relativa alle materie prime che arrivano dall'estero e che sono usate per lavorazioni destinate all'estero. Avrebbe importanti risvolti positivi: il regime di fiscalità agevolata per le merci potrebbe attrarre gli investimenti, favorire la nascita di nuove imprese e sostenere le imprese già in loco. Finora è stata applicata a Trieste (l’area di Cagliari è stata solo perimetrata) e penso che potrebbe diventare un ottimo strumento anche per lo sviluppo del nostro territorio. Auspichiamo con forza, inoltre – conclude il sindaco – l’attivazione della zona franca integrale, la cui istituzione è stata richiesta dalla Regione Sardegna all’Unione Europea attraverso un’iniziativa che noi sosteniamo».

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Comune Porto Torres)