Alla scoperta di Palazzo Giordano:
un'occasione per aderire al Fai

Palazzo Giordano (foto: Ufficio stampa Fai)
Palazzo Giordano (foto: Ufficio stampa Fai)

SASSARI. Coinvolgere le nuove generazioni in un percorso che, essendo orientato al futuro, le deve interessare da vicino. È con questa motivazione che il presidente del Fai Sardegna, Maria Grazia Piras, ha promosso la nascita del Fai Giovani nell’isola. «Come già avvenuto in Lombardia e in Emilia Romagna il Fondo Ambiente Italiano si apre agli under 40 – spiega il presidente Piras –per affidare ai cittadini di oggi e di domani il dovere di proseguire nell’impegno a sostegno della cultura, dell’arte, della storia e dell’ambiente». Il gruppo Fai Giovani Sardegna sarà presentato ufficialmente a Sassari sabato 9 marzo alle 11.30 nel corso di un incontro-aperitivo che si terrà a Palazzo Giordano, in Piazza d'Italia, sede della Banca di Credito Sardo che ospita l'iniziativa. Nel corso dell'incontro, rivolto a tutti gli interessati ad iscriversi al gruppo Fai giovani, saranno illustrati gli obiettivi del progetto e si potrà visitare lo storico palazzo cittadino recentemente ristrutturato.

L'ingresso è libero fino ad esaurimento posti. Per confermare l'adesione si può inviare una mail all'indirizzo: faigiovani.sardegna@fondoambiente.it. Al Fai Giovani sono invitati ad aderire donne e uomini tra i 25 e i 40 anni, impegnati nei settori professionali più disparati ma tutti ugualmente sensibili ai temi e ai valori di cui il Fai dal 1975 si fa promotore su tutto il territorio nazionale. Il compito di dare vita al gruppo dal quale nascerà il Fai Giovani Sardegna è stato affidato a Umberto Carboni, avvocato sassarese di 34 anni. «Ci siamo attivati con la consapevolezza che spetti anche e soprattutto a noi adoperarci per difendere l’immenso patrimonio che vorremmo lasciare in eredità anche ai nostri figli», afferma Umberto Carboni per spiegare la scelta di accettare con entusiasmo il compito che gli è stato affidato.

«Esattamente in quest’ottica stiamo procedendo nel tentativo di individuare giovani che rappresentino tutte le aree del territorio regionale, così da favorire la massima partecipazione all’iniziativa appena messa in campo – prosegue – e anche per stabilire subito, al di là di visioni campanilistiche che non possono appartenere alle nostre generazioni, gli obiettivi e i metodi per cui il Fai Giovani Sardegna intende caratterizzare la propria attività e la propria identità». Il gruppo intende infatti proporsi «come attore locale di stimolo rispetto alla definizione e alla realizzazione di più adeguate politiche pubbliche e private di sostegno al tema della conservazione, della valorizzazione e della promozione delle risorse ambientali, architettoniche, storiche, artistiche e culturali, sia materiali che immateriali».

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Tags
Immagini articolo
  • Palazzo Giordano (foto: Ufficio stampa Fai)