Un cinema a misura di mamme e bebé
Un successo l'iniziativa al Moderno

 (foto: Ufficio stampa Margherita Scanu)
(foto: Ufficio stampa Margherita Scanu)

SASSARI. Ha preso il via questa mattina la nuova iniziativa al Moderno di Sassari: “Mamme al Cinema”, che da oggi fino al 10 maggio, ogni venerdì apre le porte della sala cinematografica al mattino. Un'iniziativa unica in Sardegna e che ha qualche omologo in Italia e nel nord Europa: il cinema, aperto comunque a tutti coloro che vogliano gustarsi un buon film di mattina, è attrezzato in modo particolare per accogliere neonati e bambini.

Il Moderno, infatti, è pronto a soddisfare le esigenze di mamme e bimbi, con un'area parking per le carrozzine e i passeggini, il fasciatoio per il cambio pannolini e in sala, il volume più basso e film adatti a tutta la famiglia. Inoltre le mamme potranno sistemare i seggiolini nelle poltrone e allattare o dare la pappa durante la proiezione.

Tutto, insomma, è stato studiato per consentire alle neomamme, ma anche alle mamme in attesa o a chiunque abbia un bambino a cui badare, di poter godere di qualche ora di svago senza particolari problemi, portando in sala il proprio bambino senza timore di disturbare gli altri spettatori, che condividono la situazione e comunque sono avvisati dell'eventualità di perdere qualche battuta causa pianti o chiacchericcio.

Naturalmente, il cinema è aperto a tutti, anche a chi non ha bambini.
Ogni proiezione, compresa quella di questa mattina, è preceduta da un intervento informativo/formativo da parte di Filomena Cau, educatrice perinatale e consulente professionale per l'allattamento materno e presidente dell'Associazione Centro Nascita Serena, che assiste le donne in gravidanza e nei mesi successivi alla nascita dei propri bambini. Questa mattina, davanti a una platea attenta, si è parlato dell'importanza di iniziative come questa che non solo intendono far riprendere alle neomamme le normali abitudini culturali, come andare al cinema appunto, ma anche portarle fuori dalle mura domestiche, farle incontrare, aiutarle a informarsi e a confrontarsi e condividere momenti ed emozioni nuove.

E tutto questo insieme ai loro figli. «È così bello per una mamma poter fare tutte le cose che faceva prima della maternità, col proprio bambino», ha detto Filomena Cau. «I bambini non sono un elemento di disturbo, fanno parte della nostra società, ne sono la parte più viva, perciò non dobbiamo escluderli, ma ogni volta che per loro è sano e positivo dobbiamo portarli con noi! E non lasciarli a casa, magari sentendosi in colpa».

Nelle prossime settimane, si parlerà in particolare di “Allattamento ad orario o a richiesta. Riconoscere i segnali di fame del bambino” (15 marzo),  “Il sonno del bambino. Risvegli notturni frequenti: normalità o vizio?” (22 marzo), “L'alimentazione in gravidanza e in allattamento” (29 marzo).

Il programma delle giornate prevede alle ore 10,30 l'incontro (ed eventuale dibattito) con l'educatrice e a partire dalle ore 11,00 la proiezione del film. La prossima settimana (venerdì 15 marzo) il film in proiezione sarà “Il lato positivo”, di David O. Russell, con Bradley Cooper, Robert De Niro, Jennifer Lawrence, Jacki Weaver e Chris Tucker. Patrick, ex insegnante liceale, torna a casa dalla madre dopo un ricovero in una clinica psichiatrica. L'uomo tenta di riconquistare l'ex moglie, prima di invaghirsi di una vicina eccentrica.

Costo del biglietto 3,50 euro. I bambini fino a 3 anni entrano gratis.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Tags
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Margherita Scanu)
  •  (foto: Ufficio stampa Margherita Scanu)