I tappeti sardi volano in Tunisia
Al via il Festival della Tessitura

 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. Dal 21 al 23 marzo 2013 una delegazione di tessitrici sarde volerà in Tunisia, ospiti del Festival della Tessitura sardo-tunisina, organizzato nel prestigioso Acropolium di Cartagine dall’associazione Assadakah Sardegna Centro Italo Arabo e del Mediterraneo e dal partner tunisino il Centre Technique de Création, d'Innovation,  nell’ambito del  Progetto DIART Le Dialogue Interculturel à travers l’Art du Tapis, finanziato dalla Commissione Europea, Delegazione UE in Tunisia, a valere sul Programma EuropeAid Attività Culturali 2012 – Tunisia.

Il programma del Festival è fitto e articolato. Si prevedono, oltre al convegno di apertura al quale prenderanno parte importanti autorità locali, anche una serie di atelier dimostrativi finalizzati ad illustrare la storia del tappeto sardo e tunisino, le tecniche e gli strumenti di lavoro, l’utilizzo di tinte naturali ecologiche e le nuove tecniche di creazione dei motivi tessili mediante strumenti informatici. Sarà proiettato, inoltre, il cortometraggio realizzato nel corso del progetto sulla tradizione tessile di entrambe le regioni e sarà presentato il tappeto sardo-tunisino, frutto di un mix di tecniche derivate dagli stili tipici dei due Paesi. A conclusione della manifestazione, saranno premiate le vincitrici del Concorso del tappeto, che ha visto la partecipazione delle migliori artigiane sarde e tunisine. I tappeti finalisti saranno esposti nell’Acropolium di Cartagine per tutta la durata del Festival.

Il progetto DIART, attraverso lo scambio di metodologie e saperi millenari sull’arte della tessitura tradizionale del tappeto ha contribuito a migliorare la conoscenza reciproca fra i due paesi e a rafforzare il dialogo interculturale tra l’Europa e i paesi della sponda sud del Mediterraneo.

Per ulteriori informazioni www.diart.assadakahsardegna.com

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)