Ottobre in Poesia: riconoscimento
per gli studenti del Canopoleno

Conferita ai ragazzi la medaglia del Presidente della Repubblica
La consegna del riconoscimento
La consegna del riconoscimento

SASSARI. Sabato scorso nell’auditorium del convitto Canopoleno si è svolta una cerimonia che ha visto protagonisti gli studenti del Liceo e gli organizzatori del festival Ottobre in Poesia. Già da sei anni Sassari è una delle capitali mondiali della poesia, grazie all’importante manifestazione internazionale diretta e ideata da Leonardo Omar Onida. Artisti provenienti da tutto il mondo con i loro reading letterari fanno vivere alla nostra città una settimana “In versi”. E’ parte integrante del progetto il “Premio Letterario Città di Sassari”  all’interno del quale opera un folto gruppo di ragazzi del Canopoleno che esaminano e selezionano testi, in parallelo con una qualificata giuria di letterati, e infine assegnano i premi agli autori a loro giudizio più significativi.

Durante la cerimonia della premiazione che si svolge ad ottobre i ragazzi leggono i versi che li hanno maggiormente colpiti con un accompagnamento musicale studiato per accordare suoni, parole e sensazioni, a cura del violinista Andrea Obinu, ex studente del Liceo. La loro curiosità e il loro impegno sono stati giudicati molto incisivi e interessanti dallo staff direttivo del Progetto. Leonardo Onida ha conferito loro la medaglia del Presidente della Repubblica di cui “Ottobre in Poesia” vanta il patrocinio  “perché con passione lavorano da anni come responsabili della “Giuria Giovani” dimostrando una competenza e uno spirito critico fuori dal comune”. Durante l’incontro nell’auditorium della scuola i giurati-lettori hanno riproposto i versi degli autori  premiati lo scorso autunno,  di quei poeti in carne e ossa che hanno avuto l’opportunità di incontrare. “La poesia esiste non solo nei libri di testo e all’interno delle aule, ma è intorno a noi, anche nella realtà che ci circonda e nei nostri gesti quotidiani” ha detto durante la cerimonia Leonardo Omar Onida. Un messaggio che i ragazzi del Canopoleno hanno accolto fino in fondo nei loro studi e nella loro vita di tutti i giorni.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • La consegna del riconoscimento