(R) evolution, a Ozieri la mostra
sulle sfumature degli universi femminili

Inaugurazione venerdì 5 aprile

OZIERI. L’associazione culturale Artisende di Ozieri e gli operatori culturali del progetto Integrart Experience presentano la rassegna d’arte (R)evolution - sfumature degli universi femminili. La rassegna, che sarà allestita nell’Auditorium del centro culturale di San Francesco e che avrà la durata di due mesi, verterà sulle particolari rappresentazioni rivoluzionarie ed evolutive, interiori ed esteriori della visione della donna, attraverso le mostre personali di quattro giovani artisti sardi, esponenti di diverse arti figurative e visive, che mostreranno il loro personale cammino all’interno del mondo femminile. I quattro artisti si alterneranno per dieci giorni ciascuno, dal venerdì alla domenica successiva, e alla presentazione di ogni singola mostra sarà legata una perfomance artistica.

A inaugurare (R)evolution, da venerdì 5 aprile a domenica 14 aprile, sarà il pittore muralista di Siniscola Emanuele Fenu con “Rinascita del corpo”, un percorso che parte dalla raffigurazione tradizionale della donna fino ad arrivare a quella  contemporanea, rappresentando la figura femminile dal culto ancestrale della Dea madre alla donna emancipata, precaria ed oberata d’impegni della modernità.

Sarà poi la volta, dal 19 aprile al 28 aprile, della artista ozierese Francesca Seu, che documenterà attraverso fotografie trasmesse sulla tv l’azione urbana “Violenza sulle donne è…”.

Il mese di maggio vede come protagonisti altri due giovani artisti: dal 03 maggio sino al 12 esporrà il fotografo nuorese Thomas Longo con “Dive”, un’immersione tra le muse ispiratrici dell’artista, che con una fotografia non convenzionale, propone una bellezza femminile drammatica, visionaria e coeva. Durante la sua personale, venerdì 10 maggio l’artista di Bessude Romina Tanka si esibirà in una performance la cui  tematica sarà l’interiorità femminile e la sua poetica in generale .

A chiudere (R)evolution, dal 17 al 26 maggio, sarà Antonella Muresu, scultrice e decoratrice di Ossi :  “Oggetti nascosti” rappresenta la versatilità e i nuovi significati attribuibili all’oggetto più comune e, attraverso il suo percorso d’arte personale ed esperienziale, racconta sé stessa.

La rassegna ad ingresso libero sarà aperta tutti i giorni della settimana dalle 16.00 alle 20.00, compresi sabato e domenica, presso l’area Artisound del Centro Culturale San Francesco (piano terra) in piazza San Francesco, ad Ozieri.

 

 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo