Kristof Barati e il suo Stradivari
al "Comunale" giovedì prossimo

 (foto: Ufficio stampa Grandi interpreti della musica)
(foto: Ufficio stampa Grandi interpreti della musica)

SASSARI. Nuovo appuntamento giovedì alle 21 al Teatro Comunale di Sassari con “I Grandi interpreti della musica”, la rassegna organizzata dalla Cooperativa Teatro e/o Musica. Sul palco il violinista Kristof Barati un artista poliedrico che proviene dall'Ungheria, patria dei grandi violinisti che, con il suo Stradivari del 1703 e l’Orchestra da camera di Budapest, si esibirà in un repertorio dei classici della letteratura violinistica.

Barati nasce a Budapest nel 1979 in una famiglia di musicisti, il padre violoncellista, la madre violinista dalla quale riceve le prime lezioni. Prosegue poi lo studio con il primo violino del “Tàtrai Quartett”, Tàtrai Vilmos. Fin da giovanissimo emerge il suo straordinario talento e nel 1995 vince un concorso internazionale a Gorizia, seguito nel 1996 dal secondo premio al concorso internazionale “Jacques Thibaud”. Dopo arriva la vittoria, nel luglio del 1997, del terzo premio al celebre “Reine Elisabeth” a Bruxelles. Da allora studia a Parigi con il Maestro Eduard Wulfson, allievo a sua volta di Yehudi Menuhin, Nathan Milstein e Henryk Szering e da lui apprende ciò che gli hanno trasmesso questi grandi protagonisti della tradizione violinistica russa. In seguito al concorso “Reine Elisabeth” i critici musicali hanno per lui solo parole di grande ammirazione; la rinomata violinista Ida Haendel ha dichiarato «Kristof è sicuramente uno dei violinisti più talentuosi, non solo della sua generazione. È unico riguardo alla sua incredibile intonazione, bellezza di suono e musicalità, così come per il gusto musicale ed eleganza. È un solista per eccellenza».
Da allora suona come concertista solista e con orchestra, nelle più belle e rinomate sale da concerto d’Europa oltre che negli Stati Uniti e in Australia. Nel 2005 debutta al “ Concertgebow” di Amsterdam con la Nederlands Radio Simphony Orchestra diretta da Roger Epple.

L’ultimo concerto (16 aprile) è con una leggenda del concertismo internazionale Sir James Galway. Il flautista irlandese, che nel 2001 è stato insignito del titolo Sir, per i suoi meriti al servizio della musica, salirà sul palco di Sassari con il suo flauto d’oro, accompagnato dall’Orchestra da Camera di Budapest.La rassegna è realizzata grazie al sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Autonoma della Sardegna e l’Amministrazione Comunale di Sassari Assessorato alle Culture. Info e prenotazioni Teatro e/o Musica tel 079-236121

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Grandi interpreti della musica)