Lesbiche nel periodo nazista
Der puff apre domenica "Diritti al cuore"

 (foto: Ufficio stampa Movimento omosessuale sardo)
(foto: Ufficio stampa Movimento omosessuale sardo)

SASSARI. Domenica 14 aprile alle 21.00 all'Auditorium provinciale di Sassari, in via Monte Grappa 2, Francesca Falchi e Marta Proietti Orzella saranno le protagoniste di "Der puff-frammenti cantati di corpi internati" di Francesca Falchi (una produzione Il crogiuolo). Lo spettacolo ha debuttato in prima nazionale nel gennaio 2013 alla III Edizione della rassegna Sguardi S-velati: punti di vista al femminile a cura di Ambra Postiglione e Annalisa Siciliano che si è svolta teatro Due Roma teatro stabile d’essai. Un primo studio dello spettacolo ha partecipato alla XVIII edizione de Il garofano verde-scenari di teatro omossessuale a cura di Rodolfo Di Giammarco.

Con Der puff, il lavoro di Francesca Falchi sulle donne lesbiche sotto il nazismo, violentate e uccise due volte, sia nei campi di sterminio che con la negazione della loro esistenza e delle loro identità: non lesbiche ma “asociali” perché non adempivano al loro compito riproduttivo, parte il lungo percorso di Diritti al cuore D.O.C. che si concluderà l'8 giugno con un grande corteo cittadino e un concerto in piazza Tola. Dietro il motto “Diritti, Orgoglio, Cittadinanza”, Diritti al cuore, la manifestazione contro omofobia, razzismo e sessismo, rilancia e antepone l'urgenza di interventi concreti alla semplice testimonianza di solidarietà. Interventi legislativi ma anche sociali e culturali, a partire dal linguaggio mai così sessista e carico di odio come nell'ultimo periodo.

Der puff segna anche un altro primato, ovvero la riapertura dell'Auditorium Provinciale da tempo in attesa di essere messo al servizio della scuola e della città. Lo spettacolo gode del patrocinio dell'Amministrazione provinciale di Sassari. Biglietti Intero 12 euro, ridotto 10

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Movimento omosessuale sardo)