"I Grandi interpreti", a Sassari
si chiude con un mito: James Galway

di Daniele Giola

SASSARI. Ultimo appuntamento, martedì 16 aprile alle 21 al Teatro Comunale di Sassari, con “I Grandi interpreti della musica” rassegna organizzata dalla cooperativa Teatro e/o Musica. Sul palco una leggenda, un maestro di grande carisma autentico virtuoso del flauto: Sir James Galway interprete eccelso del repertorio flautistico.

Nato a Belfast, ha studiato a Londra e Parigi prima di intraprendere la carriera orchestrale in orchestre prestigiose come la Sadlers Wells e la Royal Covent Garden Opera, la BBC, la Royal Philharmonic e la London Symphony Orchestra, fino a ricoprire l’ambito ruolo di primo flauto nella Berlin Philharmonic diretta da Herbert von Karajan. La sua carriera da solista inizia nel 1975 e attraverso le sue molteplici tournée, più di 30 milioni di album venduti e le sue frequenti apparizioni televisive, James Galway ha conquistato il pubblico internazionale. Di pari passo con la sua intensa attività concertistica Galway trova anche il tempo di condividere la sua esperienza attraverso corsi di perfezionamento annuali, commissionando nuovi lavori per flauto, pubblicando articoli e studi sul flauto e libri. La sua ultima autobiografia, intitolata “The Man with the Golden Flute, a Celtic Minstrel” è stata pubblicata da John Wiley & Son. A testimonianza del suo impegno verso i flautisti di tutto il mondo, ha collaborato recentemente con Conn-Selmer Inc, per lo sviluppo di un flauto nuovo e di alta qualità, giustamente chiamato ‘The Galway Spirit’. Il suo sito internet www.thegalwaynetwork.com è interamente dedicato a studenti e insegnanti.  È stato premiato due volte da Sua Maestà la Regina Elizabeth II, con con il titolo di cavaliere nel 1979 e  nel 2001. La sua ricca discografia comprende più di 65 cd per bmg Sony Classics e Deutsche Grammophon e testimonia la sua grande padronanza della diversità musicale.

Galway si esibisce a Sassari accompagnato dalla moglie Lady Jeanne Galway  flautista  tra le più apprezzate dell'ultimo decennio che accanto alle  frequenti tournée da solista con le più importanti orchestre appare regolarmente in duo  con il marito. Sul palco anche la Anima Musicae Chamber Orchestra di Budapest. Il programma della serata propone  musiche di J.S Bach “Suite N° 2 in Si Minore”, E.Elgar “Serenade op.20, in mi minore”, A. Vivaldi  “Concerto per due flauti e orchestra d'archi”, H. Purcel  “Abdelazar Suite Z 570 per orchestra d'archi”,  S.  Mercadante “Concerto in Mi minore per flauto e orchestra”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo