Sani Becirovic si presenta con il botto:
"Alla Dinamo per vincere lo scudetto"

di Daniele Giola
 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. “Nella mia carriera ho vinto tantissimo. Ho alzato trofei in Slovenia, Russia, Grecia, Italia. Sono stato premiato anche come miglior giocatore dell’Eurolega. Ma c’è una piccola cosa che ancora mi manca: si chiama scudetto”. Ambizioso, determinato, un vero guerriero: è Sani Becirovic, guardia slovena, ultimo arrivato in casa biancoblù.

Annunciato dal vicepresidente della Dinamo Gianmario Dettori come “un giocatore determinante per il definitivo salto di qualità in vista del finale di stagione”, l’ex di Virtus e Fortitudo Bologna, Varese, Roma, Milano e Treviso non si è nascosto dietro frasi di circostanza. Reduce dalla positiva esperienza in Iran nelle fila del Petrochimi Bandar Imam Harbour, è andato subito al sodo. “Mi manca lo scudetto, lo inseguo da otto anni e quando il mio procuratore mi ha parlato di Sassari, non ci ho pensato due volte – ha detto -. Spero che con la mia presenza si possa ottenere quello che tutti voi sognate. Quello in cui tutti noi crediamo”. Il giocatore, classe 1981, arriva in un ambiente che sembra già conoscere alla perfezione. “Anche lontano dall’Italia in tanti si stanno rendendo conto di quello che sta facendo Sassari. Io, poi, ho sempre seguito il campionato italiano. Conosco i cugini Diener, due grandi campioni, così come Bootsy Thornton. C’è poi un bel reparto di lunghi. Il capitano Vanuzzo sta dimostrando di avere ancora la mano caldissima e domenica nella sfida contro Roma ho visto molto bene anche Brian Sacchetti. Conosco la squadra e anche il modo in cui gioca. Io non sono ancora al top della forma. Dal deserto dell’Iran arrivo al mare, per questo chiedo un po’ di pazienza. Almeno in queste prime settimane”. Pochi dubbi sul numero di maglia che indosserà. “Avrò il sette. Mi ha sempre portato fortuna, spero sia così anche questa volta. Il contratto? Ho firmato un triennale... no no scherzo.  Preoccupato solo dalla nuova formula dei play off, che da quest’anno prevede sfide al meglio delle sette partite già dal primo turno, Becirovic ha voluto chiudere l’incontro con i giornalisti in grande stile. Da campione. “Ho visto molto equilibrio – ha detto – ma non ci sono avversarie che mi preoccupano. Sono loro che devono aver paura di noi”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)