SALTA L'INCONTRO CON IL PAPA

Udienza rinviata per gli operai E.On:
tutta colpa di un ritardo di Alitalia

di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
I lavoratori E.On questa mattina all'aeroporto di Alghero (foto: Michele Spanu - SassariNotizie.com)
I lavoratori E.On questa mattina all'aeroporto di Alghero (foto: Michele Spanu - SassariNotizie.com)

SASSARI. La rabbia e la delusione nel volto dei lavoratori E.On è ben visibile. Anche perché il motivo che li ha costretti ad annullare l'incontro col Santo Padre sembra un classico della commedia all'italiana: un ritardo di oltre due ore sul primo volo del mattino per Roma. Purtroppo è vero. Tanto da impedire a 40 operai della centrale di Fiume Santo di partecipare a San Pietro all'udienza generale con Papa Francesco: una visita fortemente attesa dai lavoratori che stanno per perdere il posto a causa del piano di esuberi annunciato dai vertici della multinazionale tedesca dell'energia. Soltanto ieri notte alcuni lavoratori hanno saputo che l’aereo Alitalia Alghero-Fiumicino delle 7:05 sarebbe partito in realtà alle 9:25 a causa di una questione tecnica legata ai turni di riposo dell'equipaggio. Le norme di sicurezza impongono, infatti, che il personale di bordo riposi almeno otto ore tra un volo e l'altro. Le avverse condizioni climatiche di ieri su Fiumicino hanno innescato una catena di ritardi e cancellazioni che hanno avuto ripercussioni fino a oggi. E questo è uno dei casi. 

Il viaggio a Roma era stato organizzato nei minimi dettagli dall'arcivescovo di Sassari, padre Paolo Atezi, anche lui vittima del ritardo e anche lui presente stamane all'aeroporto insime con gli operai e i sindacalisti. L’arcivescovo si è impegnato a richiedere un nuovo incontro alla segreteria di Stato del Vaticano per mercoledì prossimo.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • I lavoratori E.On questa mattina all'aeroporto di Alghero (foto: Michele Spanu - SassariNotizie.com)
  • I lavoratori E.On questa mattina all'aeroporto di Alghero (foto: Michele Spanu - SassariNotizie.com)