Nulvi reagisce alla crisi e vara
il suo “Progetto Voucher”

NULVI. È stata approvata in sede di Giunta la delibera relativa all'attivazione del “Progetto Voucher”, una decisa, importante e forte risposta politica che il Comune vuole dare alla crisi e a sostegno dei suoi cittadini nel tentativo di creare occupazione. Un atto dovuto e fortemente voluto dall'Amministrazione nulvese, che in attesa dell'approvazione della finanziaria da parte della Regione, aspettando di conoscere le risorse destinate ai cantieri, reagisce all'emergenza che attanaglia il territorio impegnando 35mila euro delle risorse comunali nel “Progetto Voucher”.

Il Progetto Voucher” è un’iniziativa che impegnerà ben 35mila euro di fondi dell'Amministrazione comunale nulvese, uno sforzo importante che consentirà al Comune di assumere per cinque mesi sette prestatori d'opera occasionali di tipo accessorio da destinare a servizi di pulizia delle strade e dei giardini pubblici, manutenzioni ordinarie e straordinarie di beni comunali e servizio di manutenzione strade in ausilio ai dipendenti comunali. I beneficiari lavoreranno per complessive 25 ore settimanali e percepiranno un riconoscimento in voucher pari a 5mila euro con annessa copertura previdenziale e assicurativa. «Stiamo attraversando un difficile momento di crisi che fiacca aspirazioni e speranze del nostro territorio e che non risparmia nemmeno la nostra comunità. In attesa di avere certezze riguardo l'approvazione della Finanziaria regionale e legate alla disponibilità di fondi da destinare alla realizzazione e messa in opera di cantieri occupazionali, abbiamo deciso di non restare inermi ed anzi di reagire con veemenza per dare un segnale positivo ai nostri concittadini – affermano gli amministratori del Comune di Nulvi con in testa il sindaco Mario Buscarinu -. Anche le Istituzioni attraversano un brutto periodo, ma non possono mai abbassare la guardia, non possono non occuparsi del primo e primario obiettivo: il bene della comunità, il benessere degli abitanti. Per questo è stato deciso di impiegare 35mila euro di fondi comunali per attivare il “Progetto Voucher”. Una somma importante, un piccolo ma particolarmente significativo gesto compiuto per ribadire quanto questa Amministrazione ha a cuore la situazione dei ceti sociali più deboli».

Il tutto sarà realizzato attraverso apposito bando pubblico, contenente tutte le indicazioni e i  requisiti richiesti, successiva stesura della graduatoria finale e colloquio da effettuare alla presenza del candidato, del responsabile Servizio Finanziario, del responsabile Servizio Tecnico e del responsabile del Servizio Affari Generali in caso di parità nel punteggio o impossibilità di eseguire valutazioni oggettive. Oltre ai requisiti di carattere generale ricompresi nella modulistica generica per partecipare sarà necessario essere in possesso di un titolo di studio dell'obbligo, non aver subito condanne penali o avere carichi pendenti per reati non colposi, ed avere invece esperienza lavorativa dimostrabile per le tipologie del servizio richiesto.

  

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo