Banda dei siciliani, dopo gli arresti
iniziano gli interrogatori in carcere

di Daniele Murino | Twitter: @DanieleMurino
 (foto: Archivio Carabinieri)
(foto: Archivio Carabinieri)

SASSARI. Dopo gli arresti, gli interrogatori. Questa mattina i componenti della banda dei siciliani saranno sottoposti a un interrogatorio dall'autorità giudiziaria. Le domande a cui i cinque arrestati dovranno rispondere, riguarderanno sia le rapine effettuate a Sassari sul finire del 2012 ai danni di due filiali del Banco di Sardegna sia il tentativo di rapina contro l'ufficio postale di Ittiri.

Oltre a questi dettagli, le autorità cercheranno di capire se i componenti della banda avevano a che fare con altre rapine simili messe a segno nel nord Italia. E in particolare se la loro azione era arrivata anche a Piacenza, luogo nel quale è nata una svolta fondamentale per le indagini. A oggi, grazie al meticoloso lavoro del nucleo Provinciale dei Carabinieri di Sassari, si sa che l'organizzazione era modulare: composta da più soggetti che di volta in volta venivano chiamati a seconda delle necessità che il colpo richiedeva. Due degli interrogatori si svolgeranno a Sassari e precisamente all'interno del carcere di San Sebastiano dove sono reclusi Domenico Patruno e Patrizia Pulvirenti. Gli altri colloqui saranno effettuati in Sicilia dove sono reclusi gli altri arrestati: Antonio Maugeri, Roberto Pulicetta e Giuseppe Fichera.

Nel loro soggiorno sassarese, i componenti della banda dei siciliani avevano messo a segno due colpi: la rapina del 16 novembre all’agenzia del Banco di Sardegna in via Grazia Deledda e quella del 7 dicembre all’agenzia del medesimo istituto di credito a Li Punti. Dopo avere portato a casa un bottino di quasi 50mila euro, secondo gli inquirenti i malviventi erano pronti a eseguire un nuovo colpo contro gli uffici postali di Ittiri. Ma prima che la terza rapina potesse essere compiuta, la data prevista era quella del 19 gennaio, parte della banda fu arrestata dai Carabinieri. Per quest'ultimo episodio, le persone coinvolte saranno giudicate dal tribunale di Sassari il 29 maggio.

 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Archivio Carabinieri)