Festas in Beranu: suoni e parole
dalla "Valle dei Nuraghi"

di Daniele Murino | Twitter: @DanieleMurino

SASSARI. Il progetto "la Valle dei Nuraghi" avrà un'inaugurazione in grande stile. Per pubblicizzare l'iniziativa turistica, i Comuni di Torralba, Bonorva e Borutta hanno organizzato la Festas in beranu. Tra il 25 aprile e il 1 maggio i siti archeologici della zona ospiteranno manifestazioni e iniziative a sfondo culturale. Si comincia nel primo pomeriggio del 25 aprile a Bonorva, Domus di Sant'Andrea Priu con la manifestazione Fiabe e Merenda, con Enedina Sanna. Un viaggio tra le storie della nostra isola che parlano di cibo, a volte in termini di abbondanza, più spesso per sottolineare la mancanza: la leggende del lievito, la storia di Pietrino che doveva sfamare l'orco, Pauleddu e i suoni della montagne e tante altre.

Si prosegue a Borutta, nella Basilica di San Pietro di Sorres, con i Tenores di Bitti "Remunnu 'e Locu" alle 18.30 che presenteranno – in uno dei monumenti religiosi più celebri della Sardegna – un importante repertorio di canti sacri. Sa Die de Sa Sardigna, 28 aprile, a Torralba con il duo Tangianu. Launeddas e poesie in limba nel nuraghe Santu Antine. Tutti gli eventi sono curati dall'associazione Archivi del Sud che ha voluto rendere omaggio alla cultura isolana valorizzando i siti della Valle dei Nuraghi. Il lungo fine settimana si concluderà a Bonorva per la festa campestre in onore di Santa Lucia il primo maggio. Folclore, tradizione e religiosità si mescoleranno nei riti portati avanti dai pellegrini che da tutta l'Isola accorrono per adempiere alle prossime votive.

I siti archeologici della Valle dei Nuraghi sono visitabili tutti i giorni dalle 9.00 del mattino al tramonto, domeniche incluse. Prima del Biglietto Unico la visita a ogni monumento costava 5.00 euro per un totale di 15 euro. A partire dal 25 aprile alla basilica di San Pietro in Sorres, le Domus di Sant'Andrea Priu e il nuraghe Santu Antine si potrà accedere con un unico ticket del costo di 9 euro per gli adulti e l'ingresso gratuito fino ai 14 anni. La filosofia del biglietto unico e la gratuità fino all'adolescenza incentiva la conoscenza e la cultura a portata delle famiglie che potranno quindi godere a prezzi ridotti dei siti che hanno fatto la storia della nostra isola.

 
 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo