Calci e pugni agli agenti di polizia
In manette pregiudicato sassarese

di Daniele Giola
Una volante della Polizia di Stato (foto: Archivio)
Una volante della Polizia di Stato (foto: Archivio)

SASSARI. Resistenza, minacce e lesioni a Pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e ricettazione. Sono diversi i reati di cui dovrà rispondere in Tribunale, G. S, 47enne sassarese, arrestato lo scorso sabato in viale Sicilia a Sassari.

L'uomo, con diversi precedenti di polizia, era stato poco prima notato da un poliziotto libero dal servizio mentre minacciava con un coltello un’altra persona. Arrivati sul posto, gli agenti lo hanno quindi visto buttare alcuni oggetti all’interno di un cassonetto per i rifiuti. Subito fermato, G.S ha iniziato ad inveire con frasi offensive e spintoni pur di sottrarsi ad un controllo. Sottoposto a fatica a perquisizione, è stato trovato in possesso del coltello a serramanico che aveva nascosto nella tasca del pantalone, mentre nel cassonetto, è stato ritrovato del materiale elettronico (un case P.C., un’autoradio, un modem) ed altri oggetti di cui si era appena disfatto.
 
Nonostante i numerosi inviti alla calma, l'uomo ha continuato con un atteggiamento di sfida nei confronti dei poliziotti e dopo averlo invitato a salire sul mezzo di servizio, si è scagliato improvvisamente contro un agente, insultandolo e colpendolo ripetutamente con calci e pugni, prima di essere immobilizzato. Non pago, anche durante l’accompagnamento presso gli uffici della Questura, ha colpito più volte la portiera ed il finestrino della volante, danneggiandola. Arrestato è stato quindi trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura in attesa di un processo per direttissima.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Una volante della Polizia di Stato (foto: Archivio)