la risposta degli animalisti

Incenerire i randagi? Olbia dice no
Sabato manifestazione di protesta

di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
I cartelli di protesta (foto: Facebook)
I cartelli di protesta (foto: Facebook)

SASSARI. Continuano le proteste dopo la proposta-choc del consigliere Bardanzellu (Pdl), che nei giorni scorsi aveva ipotizzato l'uso dell'incenitore per risolvere il problema del randagismo. Domani, sabato 4 settembre, a Olbia ci sarà una manifestazione contro le dichiarazioni del consigliere regionale. In queste ore arrivano agli organizzatori adesioni da tutta la Sardegna: l'evento si svolgerà dalle 19 in Corso Umberto a Olbia, davanti alla biblioteca comunale. La Lida sarà presente con uno striscione, ma ci saranno tante persone comuni che manifesteranno il loro disappunto con cartelli.

«Oltre alla protesta, ci sarà una raccolta di firme per chiedere le dimissioni del consigliere Bardanzellu», spiega Annalisa Zirattu, tra gli organizzatori della manifestazione. Si farà conoscere il testo delle leggi che riguardano il rapporto con gli animali e non mancheranno alcune fotografie di cuccioli da adottare. Scopo della protesta è soprattutto uno: far capire che il problema del randagismo è frutto di una mentalità distorta dell'uomo. Al di là della "soluzione-finale" di Bardanzellu per rispondere al randagismo la strada c'è: scongiurare gli abbandoni estivi e far capire a tutti l'importanza della sterilizzazione.

Intanto anche sul web ci si mobilita. Su Facebook è stato creato un evento per diffondere il più possibile la manifestazione.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • I cartelli di protesta (foto: Facebook)
  • I cartelli di protesta (foto: Facebook)