Presentato il Progetto SPACE
un software per il controllo delle armi

Un momento dell'incontro (foto: Archivio Polizia di Stato)
Un momento dell'incontro (foto: Archivio Polizia di Stato)

SASSARI. Un nuovo passo avanti è stato fatto per la sicurezza dei cittadini. L'8 aprile, infatti, il questore di Sassari Cesare Palermi ha incontrato i raprresentanti di diverse associazioni venatorie e gli armieri della Provincia, per parlare del progetto SPACE.

Tramite un software, SPACE (Sistema della Polizia Amministrativa e Sociale per la Cooperazione Esterna in materia di armi ed esplodenti) realizza una base informativa completa a supporto dei procedimenti in materia di armi, materiali di armamento, munizioni, esplosivi e pirotecnici. Tutto ciò faciliterà anche la cooperazione tra la rete delle articolazioni centrali e territoriali della Polizia amministrativa e sociale, le questure, le prefetture e gli altri protagonisti nazionali ed internazionali.

In modo particolare tale progetto si avvicinerà alle esigenze degli operatori del settore in tutto il territorio nazionale, i quali con le dovute autorizzazioni per accedere al sistema, potranno ridurre i tempi per espletare le incombenze amministrative imposte dalla legge in materie di armi, esplosivi e pirotecnici.


La riunione, alla quale hanno preso parte circa 50 persone tra armieri e rappresentanti delle associazioni venatorie, è stata motivo di ampio confronto sulle tematiche di settore, si sono analizzate problematiche connesse all’adeguamento delle attività commerciali che gravitano nel settore della vendita delle armi con proposte e considerazioni costruttive per garantire maggiore sicurezza e tutela del cittadino.

Il progetto è finanziato con i fondi destinati ai progetti PON, “Piano Operativo per la Sicurezza del Mezzogiorno d’Italia” attraverso il quale sono realizzati progetti per incrementare il controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine allo scopo di garantire sicurezza e legalità in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Un momento dell'incontro (foto: Archivio Polizia di Stato)