Le energie rinnovabili si confermano
motore di sviluppo per il territorio

Si è chiuso con successo il convegno nazionale Enerloc
di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
Un impianto fotovoltaico (foto: Archivio)
Un impianto fotovoltaico (foto: Archivio)

SASSARI. Tante idee da trasformare in progetti di sviluppo. È questa la preziosa eredità lasciata della quarta edizione del convegno nazionale Enerloc, ospitato dal 23 al 24 settembre a Sassari nella sala conferenze della Camera di Commercio. Durante i due giorni di dibattito i partecipanti hanno potuto assistere a decine di interventi da parte di esperti e amministatori locali impegnati a vario titolo nel campo delle energie rinnovabili. Un settore che si conferma strategico per il rilancio dell'occupazione e il superamento del vecchio modello di sviluppo, basato sul consumo delle risorse ambientale. La quarta edizione del convegno, organizzato dalla Fondazione Promo PA quest'anno si è concentrato sul tema "Politiche energetiche e uso razionale del territorio". Gli organizzatori hanno messo in luce sopratutto l'aspetto delle ricadute occupazionali delle nuove energie, in particolare nel campo delle rinnovabili, dove non mancano interessanti campi di sviluppo nella bioedilizia e nell'agricoltura.

Dopo i due seminari formativi di ieri pomeriggio, il convegno si è chiuso con i lavori di questa mattina, che si sono concentrati in massima parte sul tema della governance e della nuova occupazione nel settore. Ha aperto i lavori Franco Borghetto, presidente del Consorzio industriale provinciale di Sassari. Sul versante della governance, si sono alternati le testimonianze di alcuni esponenti politici, come Gianvito Bello, assessore all'Energia della Provincia di Benevento e Giorgio Del Ghingaro, sindaco del Comune di Capannori. Per conto del ministero dello Sviluppo economico ha parlato Oriana Cuccu, che fa parte dell'Unità di valutazione degli investimenti pubblici. Ha suscitato poi molto interesse l'intervento di Romano Giglioli, ordinario dell'università di Pisa e curatore scientifico di Enerloc, che ha lanciato la proposta di un nuovo consorzio per gestite l'energia e attivare sistemi per il risparmio nel nord Sardegna. Mentre le ricadute occupazionali del fenomeno sono state tracciate nel dettaglio dall'economista ambintale Guido Viale. Le cifre fanno ben sperare. Ora spetta a politici e imprenditori riuscire a creare le occasioni di sviluppo nel promettente mondo del mercato energetico.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Un impianto fotovoltaico (foto: Archivio)