Regionali, pronto il ricorso al Tar
contro la nuova legge elettorale

di Daniele Giola
Schede elettorali (foto: Nuovosoldo.wordpress.com)
Schede elettorali (foto: Nuovosoldo.wordpress.com)

SASSARI. E’ pronto il ricorso al Tar Sardegna contro la nuova legge elettorale. La notizia è stata data nel corso dell’incontro-dibattito pubblico svoltosi ieri a Sassari, presso la sala Angioy del Palazzo della Provincia. Su sollecitazione delle associazioni noiDonne 2005 e Alma Cappiello, un vasto coordinamento di organizzazioni si è dichiarato determinato a sostenere l'iniziativa.

Secondo le associazioni, la legge elettorale della Sardegna, approvata il 28 agosto, non promuove la concreta parità di genere né questa è assicurata dal  superato  vincolo di attribuzione a ciascun genere di non meno di un terzo delle candidature, nella presentazione delle liste circoscrizionali. «Siamo di fronte – spiega Simonetta Sotgiu, presidente di Alma Cappiello – alla violazione degli artt. 51 e 117 della Costituzione, recentemente modificati proprio per consentire l’attuazione del principio fondamentale della effettiva parità di genere nella rappresentanza politica, sia regionale che nazionale, e dare operatività al principio formale di eguaglianza già sancito dall’art. 3 della Costituzione, come affermato dalla sentenza della Corte Costituzionale n.4 del 2010 e dalla legge n.215 del 2012».
 
«Vista la volontà di auto-conservazione della classe politica, che è rimasta sorda alle proteste che si sono levate in questi mesi, la questione di costituzionalità, già posta nell’istanza inviata alla Presidenza del Consiglio a luglio, va inevitabilmente riproposta nell’ambito di un ricorso al Tar Sardegna, all’atto della indizione dei comizi elettorali, quando in qualità di elettrici saremo legittimate a farlo», spiegano le associazioni promotrici. E aggiungono: «Siamo consapevoli della fondata probabilità di annullamento delle prossime elezioni, qualora il ricorso fosse accolto. Ma l’obiettivo che intendiamo perseguire è l’applicazione della legge in quello che si definisce uno Stato di diritto».

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Schede elettorali (foto: Nuovosoldo.wordpress.com)