Lingua blu, Provincia, Asl e Izs
varano piano d'intervento congiunto

 (foto: Addetto stampa Istituto Zooprofilattico della Sardegna)
(foto: Addetto stampa Istituto Zooprofilattico della Sardegna)

SASSARI. «Via al piano congiunto di intervento per contrastare la gravissima epidemia di “blue tongue” che ha colpito pesantemente gli allevamenti del territorio sassarese». È la strategia comune elaborata dal settore Ambiente della Provincia di Sassari, dal servizio veterinario dell’Asl 1 e dall’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna (Izs). I vertici dei tre organi istituzionali che a vario titolo hanno competenza rispetto ai problemi provocati dalla “blue tongue” si sono incontrati per iniziativa dell’assessore provinciale dell’Ambiente, Paolo Denegri.

«Nel solco di un rapporto di collaborazione ormai consolidato, che ci ha permesso di affrontare con successo altre situazioni di difficoltà – spiega l’assessore – abbiamo deciso di operare insieme per arginare e debellare gli effetti dell’epidemia». Ieri si è conclusa la serie di incontri che ha portato all’ultimazione e alla definitiva predisposizione del Piano di intervento. «Ora passiamo alla fase operativa attraverso la condivisione del progetto con il territorio – riferisce Paolo Denegri – tempi e modi verranno riferiti alle associazioni di categoria e agli amministratori pubblici nel corso degli incontri territoriali che abbiamo già convocato».

Subito dopo inizieranno le operazioni. «Per accelerare i tempi e rendere efficace ogni intervento, chiediamo anche l’intervento della Regione», è l’appello dell’assessore provinciale, secondo il quale «urge un incontro operativo per stabilire l’entità delle risorse che Cagliari ci può mettere a disposizione». In questo modo, è l’ultima riflessione di Denegri, «potremo utilizzare al meglio le risorse professionali di cui disponiamo, a iniziare dalla Multiss, che vanta un alto grado di specializzazione in materia di interventi di disinfestazione».

 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Addetto stampa Istituto Zooprofilattico della Sardegna)