calcio

Torres, il diluvio sveglia Ferreira
Doppietta del brasiliano e l'Olbia va ko

Al Nespoli la squadra sassarese vince 2-0
di Daniele Giola
 (foto: tekw.org)
(foto: tekw.org)
SASSARI. Una doppietta per smentire chi dubitava delle sue qualità e per non far rimpiangere troppo Tribuna. Ferreira non poteva trovare occasione migliore per sbloccarsi. I suoi due gol permettono alla Torres di battere l'Olbia nella settima giornata del campionato di Eccellenza. Per i rossoblù una boccata d'ossigeno dopo una settimana tormentata per gli addii (dovuti a motivi familiari) di giocatori importanti come Cutolo e, appunto, Tribuna.

Al Nespoli si gioca sotto un violento diluvio che non scoraggia il pubblico, comunque molto numeroso. La gara si sblocca nei primi minuti grazie a un colpo da opportunista del brasiliano Ferreira: dopo una punizione di Aliotta respinta da Deliperi il brasiliano, schierato da mister Fiori al centro dell'attacco rossoblù con Cadau e Cherchi a sostegno, è il più svelto di tutti a ribadire la palla in rete. La gara è molto spigolosa, non cattiva ma dal tenore agonistico elevato. Si gioca molto sulla metacampo della Torres, L'Olbia fa il possibile per rimettere in piedi il risultato: attacca senza sosta, ma è sfortunata in alcune occasioni (clamorosa una traversa a inizio ripresa). La Torres, invece, cerca di difendersi con ordine e sfruttare il contropiede come forse mai in questo scorcio di stagione.
Il secondo gol di Ferreira al 90' su assist di Cadau chiude la gara, poi il brasiliano, ancora lui, si dimostra protagonista indiscusso: questa volta però per cartellino rosso rimediato nel recupero che gli impedirà di giocare la prossima gara.

Da segnalare alcuni scontri tra le tifoserie: due ragazzi di Olbia, che lavoravano per la sicurezza in campo, sono finiti all'ospedale (feriti alla mano, uno, e alla testa, l'altro) dopo essere stati aggrediti da alcuni ultrà della Torres. Sull'episodio sta indagando la polizia.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: tekw.org)