isola dei cassintegrati

Domenica prossima la Cgil all'Asinara,
ancora indecisa sul 1° maggio nell'isola

Ci sarà anche la vicesegretaria nazionale, Susanna Camusso
Lavoratori Vinyls (foto: SassariNotizie.com)
Lavoratori Vinyls (foto: SassariNotizie.com)
PORTO TORRES. Più volte gli operai che occupano l'isola dell'Asinara si sono lamentati del silenzio dei sindacati, soprattutto di quelli confederali e a livello nazionale. Sono passati quasi due mesi da quando un piccolo gruppo di loro (in rappresentanza dei circa 120 lavoratori della Vinyls) si è trasferito nelle ospitali celle dell'ex carcere di massima sicurezza. Esattamente sono 49 giorni. E ora dopo le timide, quasi inesistenti reazioni dei vertici all'appello dei lavoratori di organizzare la festa del 1° maggio all'Asinara, ecco arrivare l'annuncio della visita ufficiale.

Sarà domenica prossima, 18 aprile. Sulla piccola isola arriverà una delegazione territoriale e regionale della Cgil insieme alla segretaria della Cgil nazionale Susanna Camusso, al vicesegretario generale Enzo Costa e al segretario della Camera del lavoro di Sassari Antonio Rudas. L’obiettivo della visita è contribuire al rafforzamento della battaglia dei cassintegrati della Vinyls, alla difesa del petrolchimico di Porto Torres e delle attività produttive di tutto l’apparato industriale del territorio - così si legge in una nota. La delegazione arriverà sull’isola con il primo traghetto delle 8 e 30 e passerà la giornata con il lavoratori per discutere lo stato della vertenza e le possibili iniziative utili ad accelerare la sua risoluzione.

La scadenza. Tutto tace sui possibili accordi su Eni e Ramco, la società del Qatar che avrebbe manifestato interesse agli stabilimenti dell'azienda chimica di Porto Torres. Nel frattempo la scadenza prevista dal bando prima del fallimento si avvicina: è il 23 aprile, la settimana prossima.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Lavoratori Vinyls (foto: SassariNotizie.com)