Lingua blu, da oggi meno vincoli
sulla movimentazione dei capi

 (foto: www.maraeforbes.com)
(foto: www.maraeforbes.com)

SASSARI. Con l’arrivo dell’inverno, l’abbassamento delle temperature, e la regressione dell’insetto vettore del virus, si allentano le misure di prevenzione contro la Lingua blu e i vincoli per la movimentazione dei capi (specie bovini) dalla Sardegna verso le altre regioni italiane. E sul fronte della vaccinazione per il 2014, la Regione procederà a una campagna di immunizzazione a tappeto su tutta l'Isola. L’assessorato regionale della Sanità ieri ha informato i servizi veterinari delle Asl sulla nuova disposizione del ministero della Salute, in base alla quale da oggi, lunedì 9 dicembre, e fino al 18 febbraio, la movimentazione degli animali dall’Isola è consentita anche ai capi non vaccinati verso le 5 regioni e le 6 province che il ministero ha individuato come esenti dalla sorveglianza sierologica: Piemonte, Friuli, Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, Province di Aosta, L'Aquila, Potenza, Perugia, Trento e Bolzano. Questi territori, secondo il documento del ministero, sono stati individuati perché i relativi programmi di sorveglianza sierologica ed entomologica hanno attestato, in un determinato periodo dell'anno, la conformità ai criteri stabiliti dal Centro di referenza nazionale per le malattie esotiche (Cesme). Per le movimentazioni in ambito nazionale di animali diretti verso le altre regioni restano comunque valide le misure ministeriali stabilite nella nota del 4 ottobre scorso. Sul fronte della prevenzione invece, con l’obiettivo di arrivare alla prossima stagione già con una fornitura pronta e adeguata di vaccini, la giunta regionale, su proposta dall’assessore della Sanità Simona De Francisci, ha recentemente designato la Asl di Sassari come capofila della gara regionale per l’acquisizione dei vaccini contro la Blue Tongue per il 2014, considerata la sua esperienza nella gestione delle gare centralizzate. Nella riunione dell'unità di crisi regionale di fine novembre, è stato stabilito di procedere per l’anno prossimo a una campagna capillare su tutto il territorio evitando così la vaccinazione solo per le rimonte.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: www.maraeforbes.com)