Epifania dei sapori ad Arzachena
Il 6 gennaio l'ultimo appuntamento

 (foto: Mediatris press)
(foto: Mediatris press)

ARZACHENA. Un grande successo di pubblico e numeri record per i primi due appuntamenti della rassegna “Le giornate dell'enogastronomia sardo arzachenese”: quasi 5 mila persone hanno affollato il centro storico di Arzachena.

E non è ancora finita. Lunedì 6 gennaio dalle 11 oltre 60 stand di produttori prepareranno e distribuiranno al pubblico presente la “suppa cuata”. Gli organizzatori si augurano di replicare il successo delle prime due giornate durante le quali migliaia di persone hanno partecipato attivamente alla rassegna, apprezzando in particolar modo i piatti preparati sul posto. Sono stati cucinati oltre 80 chili di salsiccia, 160 chili di gnocchi fatti a mano e centinaia di crepes. 


La rassegna “Le giornate dell’enogastronomia sardo arzachenese” è stata organizzata dalla locale Pro Loco, con il patrocinio dell’assessorato comunale all’Agricoltura e Commercio e di Sardegna Promozione.

Si avvia dunque a conclusione la manifestazione dedicata ai piatti della tradizione culinaria gallurese che nei giorni del 22 e 29 dicembre ha consentito di raccogliere circa 2 mila euro destinati agli alluvionati sardi. La rassegna nasce infatti con un duplice scopo: promuovere l’enogastronomia locale e dare un contributo alle persone colpite dal ciclone Cleopatra. Un progetto che vede coinvolte tutte le Pro Loco d’Italia impegnate, dall’inizio delle festività e fino al giorno della Befana, nell’organizzazione di eventi dedicati all’emergenza Sardegna.

Lunedì prossimo durante la degustazione si esibiranno le voci del coro Gospel e inoltre verrà resa nota la somma raccolta da tutte le Pro Loco nazionali a favore degli alluvionati. Infine verrà premiato il presepe più bello nell'ambito della Quarta Rassegna dedicata alle composizioni natalizie e quest'anno intitolata a Giulia, una bambina recentemente scomparsa in circostanze tragiche. 


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Mediatris press)