Bando Poic, a Palazzo Ducale
arrivano due milioni di euro

Palazzo ducale (foto: SassariNotizie.com)
Palazzo ducale (foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. Due milioni di euro al Comune di Sassari stanziati dalla Regione per il Poic. Le risorse messe a disposizione nell’ambito del Programma per l'occupazione e l’ imprenditorialità comunale, permetteranno di attivare nell’immediato la fase 2 stabilita dall’iniziativa che consentirà ai nuovi imprenditori di promuovere opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati, insediando una nuova impresa nel centro storico della città. Sono tre le tipologie predisposte dall'amministrazione comunale nel campo manifatturiero-artigianale, commerciale (all’ingrosso e al dettaglio) e nei servizi di alloggio e di ristorazione. La notizia è stata accolta con grande soddisfazione da parte del sindaco Ganau e dell'assessore alla Programmazione, Nicola Sanna che con i settori del Personale e Suap avevano predisposto il progetto inviato alla Regione, secondo le normali e corrette procedure di invio telematico e negli orari di lavoro consoni per le pubbliche amministrazioni, anziché "notte tempo" come avvenuto per i comuni che sono stati finanziati nella fase precedente.
«Avevamo persino presentato un ricorso al Tar - ha ricordato il primo cittadino - per difendere la correttezza delle procedure che gli uffici hanno seguito e la legittima aspettativa della nostra città che meritava di ottenere queste risorse, essenziali in una fase come quella che sta attraversando il territorio». «Ci siamo riusciti grazie alla nostra determinazione - ha aggiunto l’assessore Sanna –  e  anche alla sensibilità dimostrata da parte dell'assessore regionale al Lavoro, Mariano Contu che ha incrementato le risorse. Credo che a questo punto il ricorso verrà ritirato».

Il programma Poic prevede misure di sostegno alle imprese, attraverso l’attribuzione di contributi regionali rimborsabili e finalizzate al loro insediamento, sviluppo occupazionale e innovazione organizzativa. Le risorse che provengono dal Fondo Sociale Europeo, avranno un importo compreso tra i 15 e i 50 mila euro, rimborsabili a tasso zero per un massimo di 60 rate mensili posticipate. Ai fondi europei si aggiungono quelli messi a disposizione dall'Amministrazione comunale di Sassari che ha previsto l'esenzione fiscale per 3 anni dei tributi comunali. A tutte le imprese che si insedieranno nel centro storico saranno restituiti, sotto forma di contributo a fondo perduto, l'equivalente delle somme versate per il pagamento della Tares, dell' Imu, della tassa per l'occupazione del suolo pubblico e per la pubblicità (insegne luminose o vetrofanie). «Rimane solo il dispiacere – conclude l'Assessore Sanna – che in aula consiliare, più volte, alcuni consiglieri dell'opposizione abbiano incomprensibilmente tifato contro la propria città e l’ottenimento delle risorse dovute. Il risultato chiude ogni speculazione politica e ci riconosce l'impegno profuso a sostegno della nostra economia». Nei prossimi giorni sarà attivato uno sportello informativo e di orientamento presso il settore Suap del Comune a cura del personale recentemente reclutato attraverso l'Agenzia regionale del lavoro, al servizio di tutti gli interessati.

 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Palazzo ducale (foto: SassariNotizie.com)