Giornalismo, Domenico Quirico
è il vincitore del premio "Careddu"

Il giornalista e scrittore Domenico Quirico
Il giornalista e scrittore Domenico Quirico

SASSARI. Sarà Domenico Quirico, inviato de La Stampa per cinque mesi prigioniero in Siria, a ricevere il 6° Premio Giornalistico Nazionale intitolato a Pino Careddu. La cerimonia si terrà venerdì 17 gennaio alle 18.30 nel Palazzo di Città a Sassari. La giuria del premio ha concluso i suoi adempimenti nei giorni scorsi, e fra la rosa dei giornalisti che hanno aderito all'invito della Fondazione Sassari Sera ha prescelto Quirico, imprigionato dai ribelli in Siria mentre stava raccontando la rivolta contro la tirannia di Assad. La storia di quella personale, dolorosa vicenda, l’ha raccolta in un volume, “Il paese del Male”, scritto a quattro mani con il compagno di prigionia Pierre Piccinin Da Prata. A parere della giuria del premio, Domenico Quirico si è particolarmente distinto per l’attenzione, la cura e il coraggio con cui ha raccontato recentemente la guerra civile in Siria pagando un prezzo altissimo: cinque mesi di prigionia che hanno demolito in lui speranze e certezze nel futuro di un popolo che aveva sperato potesse liberarsi dalla tirannia. Quirico ha definito la Siria il paese del Male ma al direttore che gli chiedeva se avrebbe voluto tornarci ha risposto: “bisogna andare dove la gente soffre e ogni tanto ci tocca soffrire come loro per fare il nostro mestiere”.

Nell’Albo d’Oro del Premio entra così un altro nome di altissimo livello, in linea con i criteri di scelta che la Fondazione si è data: premiare esempi di giornalismo di controinformazione o di denuncia cui Pino Careddu si è sempre ispirato nei 48 anni di attività di Sassari Sera fino al momento della sua scomparsa avvenuta il 20 gennaio del 2008. Nelle precedenti edizioni, dal 2009 al 2013, il Premio è stato assegnato a Pino Maniaci, direttore di Tele Jato Tv di Partinico presa spesso di mira dalla mafia - Stefania Petyx, inviata speciale di Striscia la Notizia, Milena Gabanelli conduttrice di Report, Gian Antonio Stella del Corriere della Sera e Fabrizio Gatti, inviato speciale dell'Espresso.

Intanto la Fondazione, con il prezioso supporto di Numera, la società di informatica del Banco di Sardegna, sta portando avanti la digitalizzazione della collezione di Sassari Sera e la realizzazione del nuovo portale web. Sono state digitalizzate oltre 11mila pagine ed ora è in corso la fase di controllo e pulizia. La fase successiva sarà l'inserimento dell'intera collezione nel portale della Fondazione, con apposite chiavi di ricerca che consentiranno un'agevole consultazione. La versione cartacea della collezione "Sassari Sera" verrà invece messa a disposizione della Biblioteca comunale, nella sede di Piazza Tola.
 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Il giornalista e scrittore Domenico Quirico