Il bilancio degli incidenti stradali
Nel 2013 sono morte 41 persone

 (foto: archivio internet)
(foto: archivio internet)
SASSARI. Nel 2013 è cresciuto di quasi il 2% il numero degli incidenti rilevati dalla Polstrada sulla rete viaria della Sardegna: nel 2012 erano stati 1.139, l'anno scorso 1.161. È aumentato anche il numero di morti e feriti: 41 deceduti nel 2013, dieci in più del 2012, mentre i feriti sono passati da 984 a 1.027. È pari, invece, a poco piu' dell'1,4 per cento la percentuale dei 65.040 conducenti sottoposti nell'arco dell'anno a controlli con etilometro e precursori poi sanzionati per guida in stato di ebbrezza: dei 936 colti in flagrante, 35 guidava sotto l'effetto di droghe. In tutto gli agenti della polizia stradale hanno ritirato 2.229 patenti e 1.468 carte di circolazione. È questo il bilancio dell'attività del compartimento della polizia stradale "Sardegna" nel 2013 tracciato dal dirigente Giuseppe Gargiulo, che ha sottolineato come come siano stati potenziati gli interventi per contenere le cosiddette "stragi del sabato sera": per effettuati 390 posti di controlli sono state impiegate 489 pattuglie, l'1% in piu' rispetto all'anno precedente. E durante i controlli del fine settimana è più alta la percentuale dei conducenti positivi al testi di verifica del tasso alcolemico: il 5% del totale degli automobilisti controllati, anche se le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza sono state 287, pari al 5,5% in meno rispetto al 2012. Delle 29.771 infrazioni al codice della strada contestate l'anno scorso dagli agenti della stradale quelle per eccesso di velocità sono state 2.146.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: archivio internet)