Cna Costruzioni: sempre meno appalti
E' la Gallura il territorio più in crisi

di Antonella Brianda | Twitter: @antobrianda
 (foto: foto archivio internet)
(foto: foto archivio internet)


OLBIA. E' il territorio gallurese quello maggiormente colpito dalla crisi dell'edilizia e dalla drastica riduzione del volume degli appalti pubblici. Secondo una ricerca condotta dal Centro Studi della Cna, infatti, la zona di Olbia-Tempio ha fatto registrare un meno 35 per cento del numero di gare d'appalto pubbliche, seguita dal nuorese con un meno 30 per cento e dalla zona del cagliaritano con un meno 18 per cento. Ma ad essere ancora più pesanti sono stati i tagli delle risorse in gare, con un meno 85 per cento in Gallura, meno 60 per cento nel cagliaritano e meno 45 per cento nel nuorese. Nel 2013, segnala Cna Costruzioni, si è anche ridotto il numero di iniziative di partenariato pubblico-privato, con una flessione più marcata rispetto a quella nazionale che riflette le persistenti difficoltà di accesso al credito. Dati sono drammatici ed evidenziano come in generale il volume degli appalti pubblici nell'intera isola è sceso ai minimi storici: le gare sono diminuite del 26 per cento per numero e del 47 per cento per valore rispetto all'anno precedente. Le imprese a capitale pubblico hanno ridotto all'osso gli appalti: quelli banditi dai Comuni, per esempio, valgono il 72 per cento in meno e sono calati, come numero, del 28 per cento. 


Il calo più marcato riguarda i gestori della rete stradale: dai 23 interventi, per un totale di 655 milioni di euro, pari al 45 per cento del mercato totale, nel 2012 quando l'Anas ha bandito le gare per sette maxi lotti per la nuova Sassari-Olbia, si è passati a 14, per un valore di gara di poco superiore a 20 milioni, che corrisponde a meno del 3 per cento del mercato."La crisi generalizzata dei principali committenti risulta amplificata rispetto alle altre aree del Paese", evidenziano Francesco Porcu e Mauro Zanda, rispettivamente segretario regionale della Cna e presidente di Cna Costruzioni, che chiedono come Confartigianato Sardegna, una proroga al 2015 dell'entrata in vigore del nuovo sistema on line di gestione degli appalti pubblici. 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: foto archivio internet)