Credito alle imprese, in Sardegna
calano le domande e l'importo medio

 (foto: wikimedia commons)
(foto: wikimedia commons)

SASSARI. Nel 2013 in Sardegna sono calati sia il numero delle domande di credito (-4,7%) sia l'importo medio richiesto dalle imprese (42.646 euro: -2,1% rispetto al 2012). I dati, emersi dal "barometro" della Crift, società specializzata nei sistemi di informazioni creditizie, dell'isola sono in controtendenza rispetto al trend nazionale che fa registrare un +1,73% per le richieste di credito e un +18,7% per l'importo. Il segno negativo accomuna tutte le otto province sarde, con un picco di -11,4% per la provincia del Medio Campidano, seguita a breve distanza da Olbia-Tempio che ha fatto registrare un -10,8%. La performance meno negativa è quella registrata nella provincia di Sassari (-0,5%). Per quanti riguarda gli importi medi richiesti, invece, in Sardegna l'incremento più consistente è stato quello rilevato in provincia di Cagliari, con un +8,5% che ha portato il valore ad attestarsi a 52.288 euro. La contrazione più forte è, invece, quella della provincia di Nuoro che fa segnare un -21,1% e un valore medio di 31.370 euro. Un recente studio realizzato da CRIF Rating Agency ha messo in evidenza che in Sardegna quasi 100 società di capitali presentano le caratteristiche potenziali per poter accedere al mercato dei mini-bond e più in generale delle obbligazioni, quindi con la possibilità di raccogliere le risorse finanziarie necessarie a sostenere piani di sviluppo o di espansione anche internazionale.
 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: wikimedia commons)