Nord Sardegna a rischio spopolamento
Entro il 2053 spariranno 10 paesi

di Daniele Murino | Twitter: @DanieleMurino
Veduta di Padria (foto: Wikipedia Commons Budgiekiller)
Veduta di Padria (foto: Wikipedia Commons Budgiekiller)

SASSARI. Serrande abbassate, case disabitate e strade deserte. Lo scenario dipinto dall'Università di Cagliari mette i brividi. Entro il 2053 alcuni dei paesi che si susseguono lungo tutto il territorio provinciale potrebbero scomparire. E i due centri in cima alla lista sono Semestene e Monteleone Rocca Doria: al primo sono stati diagnosticati dieci anni di vita mentre il secondo potrebbe spopolarsi entro il 2028.

Continuando a scorrere il dito sulla cartina geografica del nord Sardegna, gli altri centri rischio estinzione sono dieci. Padria, Giave, Montresta, Nughedu e Martis potrebbero spopolarsi tra il 2033 e il 2053. Per Borutta, Anela, Bortigiadas e Mara l'orizzonte temporale è più dilatato: lo studio dell'Ateneo cagliaritano fissa la deadline tra i prossimi 40 e 60 anni. In fondo alla lista c'è Cheremule che può contare ancora su 60 anni di vita.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Veduta di Padria (foto: Wikipedia Commons Budgiekiller)