Atp, via libera ai biglietti sugli autobus
Ma a un prezzo più alto e non sempre

di Daniele Giola

SASSARI. La premessa è poco incoraggiante: «La regola generale è che prima di salire a bordo bisogna essere già muniti di biglietto». I dettagli, invece, tra sovrapprezzi, impossibilità da parte dell'autista di dare il resto e ristrettezze degli orari in cui poterne usufruire, lasciano più di qualche dubbio. Stamattina, nella sede di via Caniga, il presidente Leonardo Marras, insieme con il sindaco Gianfranco Ganau e la presidente della Provincia Alessandra Giudici, ha illustrato la novità dell'Atp (Azienda di trasporto pubblico) che consentirà a partire dal primo marzo di comprare i biglietti direttamente a bordo degli autobus. Attesa da tempo, preceduta da una serie di polemiche, l'iniziativa è arrivata a compimento «dopo una attenta riflessione interna all'azienda e un positivo confronto con i sindacati e comunque rappresenta un primo passo che porterà in tempi medio-lunghi alla vendita elettronica di biglietti a bordo, al momento impossibile per la scarsità di risorse finanziarie dell'ente», ha spiegato Leonardo Marras. 

Il nuovo servizio sarà disponibile su tutti i mezzi delle linee di Sassari, Porto Torres, Sorso e Sennori e sulla linea notturna. Il biglietto (che avrà validità per una corsa di 90 minuti e sarà di colore arancione) costerà 1,70 euro anziché 1,20 con un sovrapprezzo di 50 centesimi come stabilito da una delibera regionale. Il passeggero dovrà essere in possesso dell'importo preciso perché (soprattutto per evitare lungaggini) l'autista non potrà dare resto. Chi vorrà usufruire del servizio, inoltre, dovrà necessariamente salire a bordo dalla porta anteriore e la vendita potrà essere rifiutata o rinviata nel caso in cui non ci siano condizioni di sicurezza o di regolarità del servizio (ad esempio il troppo affollamento)

La vendita a bordo sarà possibile tutti i giorni feriali da inizio servizio sino alle ore 7.30 e dalle ore 20.30 fino a fine servizio. Il sabato solo dalle 15 in poi e sempre la domenica e i festivi.  Nessun limite,invece, nelle linee di Porto Torres, Sennori e in quella Notturna. Il sindaco Ganau si è detto soddisfatto perché «si è trovata una soluzione condivisa con le sigle sindacali», mentre la presidente della Provincia Alessandra Giudici ha auspicato per il futuro una maggiore collaborazione fra i diversi enti presenti nel territorio.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
Commenti all'articolo