ASL DI OLBIA

Controlli sanitari imprese alimentari
Entro il 31 gennaio il pagamento

 (foto: Archivio Internet)
(foto: Archivio Internet)


OLBIA. La Asl di Olbia ricorda alle imprese alimentari della Gallura che hanno tempo sino a venerdì 31 gennaio per pagare gli oneri previsti dal decreto legislativo n. 194 del 19/11/2008, il quale disciplina le modalità di finanziamento dei controlli sanitari ufficiali eseguiti negli stabilimenti di produzione, per verificare la conformità alle normative riguardanti gli alimenti, nonché la salute ed il benessere degli animali. Il provvedimento, ricorda il servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione della Asl di Olbia, prevede l'obbligo da parte degli operatori del comparto alimentare del pagamento di una tariffa, differenziata a seconda del valore di attività svolta. Il decreto riguarda gli stabilimenti come quelli che si occupano della trasformazione e imbottigliamento di bevande alcoliche, acque minerali, mulini, pastifici e panifici, stabilimenti per la produzione e imbottigliamento di oli, centri di cottura e depositi all’ingrosso.  


Le imprese che ritengono di non rientrare fra quelle soggette al pagamento devono inoltrare autocertificazione attestante tale condizione; mentre chi rientra tra le attività previste dal decreto 194/2008, dovrà compilare e inviare il modulo di autocertificazione e una copia del documento di riconoscimento al Servizio Igiene degli Alimenti e della nutrizione, in viale Aldo Moro, al secondo piano della struttura sanitaria San Giovanni di Dio, a Olbia, oppure inviando un fax, al numero 0789 552112. Si ricorda, inoltre, che in caso di mancato pagamento, o di un ritardo superiore ai 60 giorni, l'importo verrà maggiorato del 30 per cento, oltre gli interessi maturati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 13, telefonando al numero 0789 552169 – 185 – 121.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Archivio Internet)