Izs, in arrivo quattro milioni di euro
per il polo veterinario di via Vienna

La facoltà di Veterinaria a Sassari (foto: SassariNotizie.com)
La facoltà di Veterinaria a Sassari (foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. Tre milioni di euro in arrivo per la realizzazione del terzo lotto di lavori della nuova sede dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna, nell’area di via Vienna a Sassari. È il finanziamento che, grazie all’articolo 20 della legge 67/1988, il ministero della Salute ha concesso all’Istituto di via Duca degli Abruzzi per costruire una struttura polifunzionale, con una serie di servizi generali al suo interno, e per l’ampliamento di altri due edifici. A questi fondi si aggiungono 1 milione e 500 mila euro che l’Izs ha già stanziato dalle proprie casse e che serviranno a completare i lavori.

Il finanziamento e il terzo lotto sono stati presentati questa mattina nelle sedde dell’Izs Sardegna a Sassari, in via Duca degli Abruzzi. All’incontro, che si è svolto nella sala riunioni della direzione generale, erano presenti il direttore generale Antonello Usai, il rettore dell’Università di Sassari Attilio Mastino, il presidente del consiglio d’amministrazione Giovanni Maria Carboni, il consigliere d’amministrazione Michele Pala e il responsabile dell’Ufficio tecnico dell’Izs Massimiliano De Angelis. Il progetto del terzo lotto, arrivato già alla fase definitiva, prevede la costruzione di un edificio di circa 1.200 metri quadri su quattro livelli (interrato, seminterrato, piano terra e primo piano), in grado di ospitare una sala convegni, una sala formazione, una sala riunioni, una biblioteca, uffici, la mensa e un’autorimessa. Viene previsto, inoltre, il completamento dell’ala dedicata all’accettazione e della centrale tecnologica, iniziate nei due lotti precedenti.  «Si tratta di un risultato importante – commenta il direttore generale dell’Izs Antonello Usai – che ci permette di potenziare ulteriormente le nostre strutture e, allo stesso tempo, arricchire il polo veterinario che sorge in quell’area. L’edificio che costruiremo con il terzo lotto, infatti, completerà quell’offerta di servizi, già attiva per la presenza di laboratori e centri di referenza nazionale».

Sull’area di via Vienna, di proprietà dell’Università degli studi di Sassari, in seguito a una serie di accordi con l’Ateneo turritano, l’Izs possiede dal 1996 un diritto di superficie su un terreno di 25 mila metri quadri. In virtù di questo, e grazie a un protocollo d’intesa siglato nel 1994 per l’avvio di una stretta collaborazione tra i due enti e la creazione di un polo veterinario, l’Istituto zooprofilattico ha già realizzato su quel terreno tre importanti strutture.

Alla fine degli anni Novanta è stato costruito l’edificio che ospita i Dipartimenti di Sanità animale e di Igiene degli allevamenti, quindi la cabina di trasformazione e parte delle centrali tecnologiche (primo lotto). Tra il 2002 e il 2007, sono stati realizzati tre  edifici che ospitano la cosiddetta “scatola chiusa” con i laboratori di virologia e malattie esotiche, il centro studi per le mastopatie ovini, i centri di referenza per la zootecnia biologica, echinococcosi e idatidosi, parte dell’accettazione (secondo lotto).

L’arrivo dei fondi dal ministero e la consegna della concessione edilizia da parte del Comune di Sassari (5 marzo scorso) consentiranno quindi un passo in avanti per il rafforzamento delle strutture. «In soli due anni, dal 2011, le analisi effettuate dall’Izs sono passate dal 450 mila a 980 mila – afferma il direttore generale –. Inoltre siamo cresciuti qualitativamente passando da 92 a 114 analisi accreditate, abbiamo investito circa 3 milioni in ricerca, dando risposte occupazionali con l’impiego di borsisti, e abbiamo investito anche in nuove apparecchiature».

Con l’edificio previsto dal terzo lotto si potenzia quindi il polo veterinario. «Con l’Università abbiamo riunito le forze – riprende Antonello Usai – e il polo che l’Izs ha creato in via Vienna ha evitato la creazione di strutture doppioni quindi di sprechi. I nostri centri hanno così funzionato in maniera consona ed efficace, garantendo una stretta collaborazione con il Dipartimento di Medicina veterinaria dell’Ateneo sassarese, in ambito di ricerca, didattica e di attività strumentale e di analisi». Il prossimo passo per l’Istituto zooprofilattico sperimentale sarà il progetto esecutivo e l’avvio delle procedure per la gara d’appalto necessaria per la costruzione dell’edificio. Il presidente del consiglio d’amministrazione dell’Izs Sardegna, Giovanni Maria Carboni, ha ringraziato il rettore dell’Università di Sassari e il direttore generale per il raggiungimento di un importante obiettivo. Il rettore Attilio Mastino ha ricordato che all’interno di queste azioni si inserisce il Dipartimento di Medicina veterinaria, all’interno del quale recentemente è stato realizzato l’ospedale veterinario e ha a disposizione fondi Fass che completano l’investimento per un importo di circa 10 milioni di euro.

Edifici e strutture presenti in via Vienna. Con gli interventi realizzati sino al 2007, nell’area di via Vienna sono pienamente operative le strutture costruite con il primo e il secondo intervento funzionale del progetto generale “Nuova sede di Sassari”, e cioè: Dipartimento di Sanità animale; Dipartimento di Igiene degli allevamenti; Dipartimento di Igiene degli alimenti; Scatola chiusa a livello di contenimento 3, con i laboratori di Virologia e Malattie esotiche; Centro di referenza nazionale per le mastopatie degli ovini e dei caprini; Centro di referenza nazionale di zootecnia biologica, Centro di referenza nazionale di echinococcosi e idatidosi; parte dell’accettazione. Al momento, risultano realizzati circa 6 mila metri quadri. Nell’area di via Vienna lavorano circa 120 dipendenti, poco più di un terzo del totale dei dipendenti dell’Istituto zooprofilattico della Sardegna.

Progetto del terzo lotto. A gennaio del 2010 è stato aggiudicato in via definitiva l’appalto per la progettazione preliminare, definitiva, esecutiva coordinamento sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, direzione lavori relativi all’intervento “realizzazione del terzo lotto della sede di Sassari in via Vienna”. Ad aggiudicarsi l’appalto, per un importo di 239.272,82 euro, è stato il raggruppamento temporaneo di professionisti: Studio Altieri Spa (capogruppo con sede a Thiene), Studio Abis associati (Cagliari), Svei Spa (Roma) e Studi tecnico arch. Giulio Altieri (Thiene). L’edificio polifunzionale che ospiterà servizi generali sarà così strutturato: piano interrato, seminterrato, piano terra e primo piano. Il piano interrato ospiterà l’archivio generale e alcuni locali di sgombero. Il piano seminterrato conterrà l’autorimessa, locali destinati a ospitare il magazzino economale dell’Izs, locali di deposito, servizi, locali tecnici. Il piano terra avrà un bar e una mensa (35 posti) collocati tra due giardini, uno interno e uno esterno, e la biblioteca e un patio centrale. Il primo piano, infine, ospiterà una grande sala formazione, una sala meeting, servizi e una terrazza. L’intervento consentirà di ampliare l’edificio che ospita l’accettazione, considerato il principale punto di accesso allo Zooprofilattico. Al piano interrato saranno sistemate celle frigorifere, locali adibiti al deposito mangimi. Al piano terra, all’esterno un area parcheggio, quindi un’area per l’utenza esterna e una per quella interna. Si prevede la suddivisione in Area accettazione, Area tecnico-operativa e Area amministrativa.

Nuovi interventi dell’Izs in atto in Sardegna. Novità assoluta a Olbia, dove è in programma l’apertura di una nuova sede nella quale gli esperti Izs si occuperanno di sicurezza alimentare. I locali sono stati già individuati in accordo con il Comune e si prevede la spesa di circa 500 mila euro per la riqualificazione della struttura (ex istituto alberghiero). A Cagliari, nella sede di via Elmas, sono stati appaltati i lavori di ampliamento della sede, per un importo di 370 mila euro (fondi Izs). A Oristano, per la sede di via Atene, nella zona industriale, si sta procedendo con l’iter d’appalto per i lavori di ampliamento (circa 680 mila euro). Per Tortolì sono previsti circa 200 mila euro per la riqualificazione dei locali che ospiteranno il centro territoriale (ex scuola agraria). A Nuoro è stato aperto di recente il Centro di referenza nazionale per il controllo delle produzioni zootecniche. Di recente, infine, su richiesta del consiglio d’amministrazione dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna, la Regione Sardegna ha deliberato una ulteriore dotazione, per la durata di 50 anni, di 10 ettari nell’azienda di Surigheddu, nel comune di Alghero. Questa superficie si aggiunge ai 15 ettari già a disposizione dell’Izs Sardegna. L’istituto di via Duca degli Abruzzi potrà così realizzare interventi strutturali per il completamento di azioni di sperimentazione (utilizzo nuovi vaccini, farmaci, studio di malattie animali.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • La facoltà di Veterinaria a Sassari (foto: SassariNotizie.com)