Così Lela e Mondo vissero felici e contenti. Lontani dall'echinococco

Una favola pensata per i più piccoli quindi con alcune nozioni, per conoscere meglio i rischi della malattia, e poche regole da rispettare per vivere serenamente un rapporto con gli animali. Protagonisti della storia sono due cani, Lela, cane pastore «abile e premuroso» che guida un gregge di cento pecore pregiate, e Mondo, cane vagabondo che vive di espedienti. E proprio quest’ultimo con il suo arrivo rischia di contagiare il gregge e i bimbi che frequentano la fattoria didattica. Grazie agli insegnamenti e ai consigli di Lela, però, tutto si conclude per il meglio con un finale fantastico. Una storia che non spaventa il lettore ma lo porta a riflettere.I testi sono stati creati da Gabriella Masu, biologa dell’Izs Sardegna che, animata dalla passione per il mondo dei bambini e delle loro letture, ha dato vita a una favola educativa."Il risultato è un lavoro di circa un anno, portato avanti da una equipe motivata – afferma Gabriella Masu, autrice dei testi –. Con un linguaggio semplice e con l’aiuto anche di una pedagogista, abbiamo cercato di spiegare il ciclo dell’echinococco e come ci si possa infettare. Ma senza spaventare". "Il libro è stato utilizzato in via sperimentale nelle scuole di Laconi – prosegue Gabriella Masu – dove ha riscosso un forte apprezzamento tra i bambini delle elementari. Le scuole di Alghero hanno mostrato interesse per la storia e potrebbero utilizzarla dal prossimo anno per una rappresentazione teatrale".Il volumetto, 11 pagine con tre tavole illustrative a colori realizzate dal pittore Manlio Masu, si inserisce all’interno della già ricca attività divulgativa che l’Izs della Sardegna rivolge ai cittadini, con lo scopo di favorire un’informazione precisa e di facile comprensione."La lunga esperienza del nostro ente nella ricerca – afferma il direttore generale dell’Izs Antonello Usai – ci insegna che un’efficace lotta alle malattie trasmissibili dagli animali all’uomo comincia con la diffusione di buone pratiche sanitarie e che, per sconfiggere queste patologie, è importante il contributo di tutti, a cominciare dai bambini in età scolare. Perché l’echinococcosi si può sconfiggere anche con i gesti semplici di tutti i giorni"."I ragazzi di oggi saranno gli uomini di domani – afferma Giovanna Masala, responsabile del Centro nazionale di referenza per l’echinococcosi-idatidosi dell’Izs Sardegna – e con il loro bagaglio di conoscenze potranno favorire il successo delle strategie di contrasto alle zoonosi. Il nuovo libretto sull’echinococcosi cistica vuole contribuire a questo obiettivo".Alla realizzazione del libro hanno contribuito Giovanna Masala, Giuseppe Satta, Elisa Piras dell’Izs Sardegna, mentre il progetto grafico è di “Mara&Forbes”
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo