A Olbia le opere di #Martinez
Le fotografie esposte in Oncologia

 (foto: foto One Way)
(foto: foto One Way)


OLBIA. Nel reparto oncologico dell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia si è virtualmente concluso un percorso che era cominciato il 21 dicembre 2013. In una sorta di ideale preludio di primavera, con l’arrivo dell’estate l’ultimo pannello del progetto One Way ha preso posto sulle pareti dell’ospedale chiudendo un cerchio che sembra essere soltanto l’inizio di un lento movimento di gioiosa contaminazione artistica. “One Way > Deviazioni ad Arte©” nasce come titolo della raccolta di 42 pannelli fotografici che la fotografa sarda Sebastiana Falchi, in arte #Martinez ha donato al reparto di Oncologia olbiese. Il progetto nasce dall’incontro - scontro dell’artista con la malattia della madre, una sofferta presa di coscienza che nell’espressione One Way vuole in qualche modo tradurre la direzione obbligata del cancro. Il progetto One Way > Deviazioni ad Arte© vuole creare digressioni e tappe salvifiche, una frattura nel dolore, aprire nuove finestre da cui poter guardare. #Martinez ha adottato le pareti del reparto Oncologico e le ha animate di volti e paesaggi, creando un “altrove” temporaneo dove chiunque varchi la soglia del reparto può fermarsi, un minuto o un’ora. Nuovi sguardi dedicati a tutta quella preziosa umanità che ogni giorno popola l’Oncologico di silenziosi passi. Non un punto di arrivo ma un punto di partenza, One Way porta con sé delle diramazioni naturali la cui ragione primaria vuole essere quella di dare un contributo alla sensibilizzazione e alla solidarietà. 

L’onda lunga di One Way ha lambito e contaminato l'artista fotografo cagliaritano Gianni Atzeni che ha voluto donare una splendida immagine al reparto di Olbia. Inoltre, grazie alla sensibilità e all’entusiasmo dello staff e della direzione del reparto Oncologico dell’ospedale Businco di Cagliari, gli artisti #Martinez e Gianni Atzeni hanno appeso tre immagini che fanno parte dei soggetti One Way – Olbia, adottando così due pareti del reparto cagliaritano. Il progetto sarà l’occasione per aprire le porte ad altri artisti per realizzare un lavoro corale. Due opere dell’artista #Martinez saranno donate ad un importante ospedale di Milano in memoria di Massimo Prizzon, collega fotografo, vittima della stessa direzione obbligata imposta dalla malattia.Tutte le opere esposte ad Olbia sono adottabili. I proventi delle adozioni verranno destinati in parte all’Associazione malati di SLA e malattie altamente invalidanti, Comitato 16 Novembre di Cagliari e in parte andranno finanziare iniziative solidali a margine del progetto. Le modalità di adozione sono in fase di ultima definizione e per chi lo desiderasse, sarà possibile contattare l’ufficio stampa di#Martinez per comunicare la propria disponibilità e ricevere informazioni più dettagliate. 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: foto One Way)