Stasera il Premio Navicella Sardegna

 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)
L’Associazione Sardegna oltre il mare, in collaborazione con il Comune di Olbia ed il Consorzio di Porto Rotondo, organizza la tredicesima edizione del Premio Navicella Sardegna. Lo scopo è quello di promuovere la Sardegna e la sua cultura nel mondo.
Il premio è divenuto il più prestigioso riconoscimento assegnato in Sardegna a personalità che abbiano dato lustro alla nostra isola a livello nazionale ed internazionale.
La giuria che individua i candidati è composta da scrittori, editori, dai direttori delle principali testate sarde, da rappresentanti di ordini professionali e delle istituzioni.
Il Premio, riproduzione di un bronzetto votivo nuragico in argento realizzato dall'artigiano orafo Bruno Busonera, è stato assegnato nelle ultime edizioni, fra gli altri, a Sergio Mei (chef Four Seson di Milano), Nicola Lecca (scrittore), Guido Melis (giurista), Erminio Costa (ricercatore neuroscienze alla Illinois University), Antonello Salis (musicista), Francesco Cossiga (Presidente emerito della Repubblica), Salvatore Mannuzzu (scrittore), Antonello Grimaldi (regista), Gianfranco Siazzu (comandante generale dei carabinieri), Paolo Fresu (musicista), Barbara Serra (giornalista di Al Jaazera International), Ettore Sequi (ambasciatore italiano e dell'U.E. a Kabul), Caterina Murino (attrice), Bianca Pitzorno (scrittrice), Giovanni Floris (giornalista e conduttore TV), Angelo Loi (ricercatore foraggicoltura in Australia), Anna Tifu (violinista), Angelo Becciu (mons. nunzio apostolico in Angola), Elisabetta Canalis (showgirl), Maria Giacobbe (scrittrice), Salvatore Sechi (consigliere giuridico Quirinale), Giorgio Aru (cardiochirurgo), Salvatore Mereu (regista), Paolo Mancosu (direttore istituto alla Berkeley University), Bianca Berlinguer (giornalista e direttoreTG3), Flavio Manzoni (designer), Valeria Marini (attrice e showgirl), Bruno Cortis (Cardiologo), Geppi Cucciari (attrice, comica, conduttrice televisiva), Cosimo Tavera (imprenditore sardo/argentino), Roberta Pili (pianista), Giorgio Porra’ (giornalista sportivo), Beppe Severgnini (giornalista, scrittore), Melissa Satta (showgirl), Michela Murgia (scrittrice), Maria Lai (artista), Francesco Muntoni (neurologo), Jean Pierre Tuveri (sindaco Saint-Tropez), Simona Murgia (scienziata), Giovanni Battista Agus (chirurgo vascolare), Enrica Pintore (Attrice), Bruno Putzulu (attore), Rossella Urru (volontaria cooperazione internazionale),   Marcello Fois (scrittore), Giovanni Pilu (cuoco australiano);  Simone Pittau (direttore d’orchestra), Luca Ruiu (agronomo – ricercatore) Antonio Pinna  (medico–trapiantista), Marcello Murru (autore – cantante), Daria Bignardi (conduttrice TV e scrittrice)






I sardi ed il mare

Una singolarità della storia dei sardi è la scarsa propensione per la vita marinara, anche se in epoche remote i Shardana navigarono in lungo ed in largo nel Mediterraneo occidentale, indicato nella cartografia nautica del tempo come “Mare dei Sardi”.
Questa tradizione navale, testimoniata anche attraverso le navicelle votive nuragiche, fu interrotta con la fuga dei sardi verso l’interno per i costanti assalti di altri popoli: dal mare sono arrivati i Fenici, i Cartaginesi, i Romani, gli Arabi, i Bizantini, gli Spagnoli. La Sardegna ha assimilato e rielaborato le più diverse influenze, le ha integrate nella propria cultura, ma non ha mai permesso che il suo animo profondo e appassionato, il suo carattere forte e generoso ne fossero toccati e mutati.
Oggi la Sardegna, con i suoi 1.800 chilometri di costa, per la sua posizione geografica e per la sua storia, ha visto crescere l’importanza del suo mare, non più un muro d’acqua ma importante fattore di sviluppo economico e di benessere. Un mare ritenuto fra i più belli al mondo per le sue trasparenze ed i suoi colori.


La rassegna

Col patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna ed il contributo di sponsor, quali la Tirrenia, compagnia di navigazione, Eurohotel, Info Point welcome to Porto Rotondo l’Associazione Sardegna oltre il mare, in collaborazione con il Comune di Olbia ed il Consorzio di Porto Rotondo, organizza e promuove la rassegna nel corso della quale viene consegnato il PREMIO NAVICELLA SARDEGNA 2014.
La manifestazione si svolgerà la sera di sabato 6 settembre 2014 nella stupenda cornice di Porto Rotondo, all’interno del Teatro Ceroli.
 La manifestazione, nata con lo scopo di promuovere la Sardegna e la sua cultura nel mondo, riserva un riconoscimento a coloro di nascita o di adozione che nell’arte, nello sport, nello spettacolo, nella scienza, nella ricerca, nella comunicazione, nell’imprenditoria e nelle istituzioni hanno contribuito a portare l'isola all’attenzione nazionale ed internazionale, favorendo con il loro impegno a valorizzare il patrimonio di civiltà, di cultura e di tradizioni, come elemento distintivo dell’identità sarda.


Il PREMIO NAVICELLA SARDEGNA

In epoca nuragica gli antichi popoli della Sardegna utilizzavano, quale simbolo votivo, un manufatto raffigurante una navicella. Usanza che rappresenta ancora oggi testimonianza della memoria dei sardi. In tempi a noi più vicini, quando i nostri corregionali, spinti dalla necessità di cercare altrove lavoro e sicurezza economica per se stessi e per le loro famiglie, lasciarono l’isola a bordo di piroscafi e navi, unici mezzi allora disponibili per i collegamenti con la penisola, i nostri emigranti si portavano dietro un bagaglio dove la speranza del futuro si associava alla tristezza per il distacco dalla propria terra.
Il loro legame con la Sardegna non si è mai sciolto, uniti come sono da un filo invisibile capace di resistere sempre, e comunque, alle distanze ed al tempo.
La navicella in argento, realizzata appositamente per l’occasione dal notissimo orafo sardo, Bruno Busonera, è stata scelta quale simbolo per premiare  quelle personalità, che con il loro impegno contribuiscono a valorizzare, in Italia e nel mondo, il patrimonio di civiltà, di cultura, di intelletto e di tradizioni che i sardi sanno esprimere.
Alle ore 20, nella suggestiva cornice di Porto Rotondo, si darà inizio alla cerimonia di consegna, alle sette personalità, selezionate per il 2014 dalla giuria, del "Premio Navicella Sardegna".
Alla serata condotta dalla giornalista televisiva, Egidiangela Sechi, prenderanno parte l’orchestra d’archi diretta dal maestro Simone Pittau, mentre le letture saranno affidate all’attore Marco Spiga.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)