Alghero. Comune e Dipartimento di Architettura dell'Università di Sassari lavoreranno insieme

Una delle nuove aule dell'ex ospedale di Santa Chiara  (foto: Ufficio stampa Università di Sassari)
Una delle nuove aule dell'ex ospedale di Santa Chiara (foto: Ufficio stampa Università di Sassari)
Lavorare insieme allo sviluppo della città. Comune di Alghero e Dipartimento di Architettura dell'Università di Sassari da oggi guardano al futuro non più con rapporti episodici ma con accordi stabili e obbiettivi comuni da raggiungere. Un patrimonio utile alla collettività che da oggi diventa saldamente partner dell’Amministrazione per affrontare la vastità dei problemi sul tavolo. “E’ un giorno importante per la città”, ha detto il Sindaco Mario Bruno nel corso dell’incontro per la sottoscrizione dell’accordo insieme al Direttore del Dipartimento di Architettura, Arnaldo Cecchini, delegato dal Rettore dell’Università di Sassari. “Abbiamo davanti un percorso importante - ha sottolineato Mario Bruno – e da oggi lo affronteremo con gli strumenti migliori. Pensiamo insieme alla soluzione dei problemi della città e al suo sviluppo sociale, economico e culturale. Ora abbiamo al nostro fianco un prezioso alleato che collaborerà sui temi della qualità e sostenibilità architettonica e urbana, della pianificazione urbanistica, territoriale, paesaggistica e ambientale, delle politiche della casa, della mobilità, della partecipazione, delle politiche turistiche”. L’accordo sancisce la stabile collaborazione diretta tra Comune e Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica dell'Università di Sassari per la costituzione di gruppi di lavoro specifici che svolgeranno attività di ricerca, approfondimento e supporto agli uffici e alla Giunta anche ai fini della predisposizione di atti, bandi e concorsi e della realizzazione degli strumenti della pianificazione, delle progettazioni e delle politiche territoriali. Ci sono già precorsi avviati, come il progetto del Social Housing risultato vincente in Regione e gli accordi con l’Assessorato all’Ambiente della Regione per affrontare l’emergenza della “marea gialla” con la collaborazione determinante del prof. Sechi. “Su tutti questi ed altri temi fondamentali noi possiamo dare un contributo – ha detto il Direttore Arnaldo Cecchini – e abbiamo dalla nostra parte diverse personalità di spicco che possono mettere a disposizione competenze e idee”. Cecchini ha voluto rimarcare l’ulteriore soddisfazione che si aggiunge alla firma dell’accordo: “Per la prima volta – ha detto ringraziando l’Amministrazione - gli studenti cominciano l’anno accademico con gli spazi adeguati per lo svolgimento delle lezioni”. Soddisfazione anche da parte dell’Assessore all’Istruzione Gabriella Esposito, presente all’incontro insieme all’Assessore Natacha Lampis. “Apriamo un percorso importante, non abbiamo la presunzione di poter risolvere tutto e da soli - ha detto – e per questo apriamo alla nostra comunità per affrontare le tante emergenze. Oggi facciamo un fondamentale passo avanti, dopo aver messo Architettura nelle miglior condizioni per poter svolgere le attività”. Gli accordi iniziano intanto a produrre risultati. Subito, il prossimo 8 Ottobre, sarà aperta la Biblioteca della Città, nel complesso Santa Chiara, modo innovativo del fare cultura in città. Non più o solo conservazione di volumi, ma laboratorio di idee, luogo di incontro. E ancora, il progetto “Innovare” dell’Università di Sassari, che con propri fondi finanzia la creazione d'impresa.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Una delle nuove aule dell'ex ospedale di Santa Chiara  (foto: Ufficio stampa Università di Sassari)