Sassari: interpellanza di Alivesi per ridurre la Tasi

Il Consigliere Alivesi interroga l'Amministrazione sull'importanza di ridurre o in qualche modo limitare le incombenze di una Tasi che mortifica le famiglie sassaresi. Alivesi spiega che in molte Città e soprattutto in molti Paesi della Sardegna le Amministrazioni diligenti ed attente ai gravi disagi della cittadinanza hanno trovato il modo di esentare totalmente le prime case dalla TASI e che in alcuni casi tale tassa è stata annullata totalmente stabilendo l’aliquota “zero”. Ricorda anche che già in occasione della prima scadenza del 16 giugno scorso l’amministrazione non ha voluto accogliere alcun tipo di proposta in merito all’introduzione di più equi criteri di applicazione della TASI, senza tenere conto, argomenta nell'interpellanza, di alcun equilibrio di sostenibilità economica dei destinatari della tassa. In città, continua ALivesi sono sempre più evidenti i segni della grave crisi che sta attanagliando il territorio e la Città di Sassari in particolare; il triste fenomeno delle nuove povertà sta emergendo sempre di più e oltre al già grave fardello delle tasse ordinarie il significativo aumento dei tributi comunali rischiano di trasformarsi di un autentico detonatore per l’ultimo vero ammortizzatore sociale sopravvissuto fino ad oggi, ovvero le Famiglie. Con l'interpellanza sono due fondamentalmente le detrazioni: detrazioni Tasi 2014 per rendita catastale e detrazioni Tasi 2014 per figli a carico. Alivesi si dichiara preoccupato per il fenomeno di disagio che la pesantezza della vita sociale sta caricando sulle spalle dei cittadini e si augura che la sua interpellanza venga ascoltata.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo