La Dinamo espugna Pesaro
75-71 per i biancoblu

OLBIA. Le partite si vincono anche così, anche quando tiri 5/24 da tre punti e fatichi a trovare ritmo in attacco. La Consultinvest non ha mai mollato e ha avuto il merito di combattere fino all'ultimo respiro, letteralmente trascinata dalle giocate di Judge, Wright e Myles, oltre che da un Bernardo Musso presente su ogni palla vagante e autentica anima dei suoi. La Dinamo ha saputo però rispondere colpo su colpo, trovando di volta in volta grandi risposte dai numeri di Dyson, dalla prestanza fisica e l'atletismo di Lawal e dalle folate offensive di Sanders. Logan, che fino a un minuto e mezzo dalla fine si era distinto prevalentemente per le palle recuperate, esce dalla panchina nel momento più caldo del match e indovina una tripla fondamentale, rivelandosi anche lui decisivo. Sassari porta a casa una sofferta vittoria col punteggio finale di 71-75 e sale a quota 30 in classifica, consolidando il proprio terzo posto.


La cronaca:


Pesaro parte forte e aggressiva in difesa, le difficoltà della Dinamo nell'andare a segno vengono però intervallate da un lampo di Sanders, che prende il tempo alla difesa e vola a schiacciare a una mano. Judge imprime grande presenza sotto le plance e muove il tabellino dei suoi, aiutato ben presto dal lavoro di Chris Wright, autore di sette punti in meno di dieci minuti. Ben presto Lawal si prende il palcoscenico e comincia a dominare a suon di schiacciate, arrivando fino a quota 12 nel solo primo periodo. Parte il secondo quarto e la confusione regna sovrana, attacchi poco lucidi e polveri bagnate da una parte e dall'altra, con le due squadre che restano sempre a contatto. La Dinamo accende la luce a pochi minuti dall'intervallo, Logan arriva su ogni pallone, Dyson regala spettacolo con una penetrazione nel traffico e Lawal affonda la bimane del +7, concludendo il primo significativo parziale della gara. I canestri di Judge per la Consultinvest e dello stesso Lawal per Sassari (16 personali), concludono un anomalo primo tempo senza triple messe a segno né da una parte né dall'altra, col punteggio a premiare la Dinamo sul 30-36. Dopo la pausa Pesaro torna subito a -2 e Myles indovina il primo canestro da tre del match, mentre Judge e Lawal infiammano il duello nel pitturato mettendo in mostra tutto il loro atletismo oltre a degli ottimi fondamentali in post basso. Un tecnico fischiato a Myles e un fallo su Lawal fanno letteralmente infuriare il pubblico pesarese, con le forze dell'ordine costrette a intervenire per placare gli animi. Passato il momento di caos, la penultima frazione volge al termine e la Consultinvest, trascinata da Myles, arriva fino al -3 sul 49-52. Ross sblocca il suo tabellino in uno dei momenti più caldi della partita e Pesaro coglie il sorpasso con un appoggio di Judge e due liberi di un indemoniato Bernardo Musso. La Dinamo va in panne e non trova più la via del canestro, Pesaro vola sul +5 e Sacchetti deve ricorrere a un time out per arrestare l'emorragia. Dopo l'interruzione Sassari, sulle ali delle triple di Dyson e Sanders, confeziona un parziale di 13-3 che determina il contro sorpasso e dà ai biancoblu cinque punti di vantaggio, ma Myles e Judge riequilibrano nuovamente il punteggio a due minuti dallo scadere. Con la tensione alle stelle Logan entra dalla panchina e spara una tripla clamorosa in faccia a Raspino, la Dinamo va avanti di due e Lawal si rivela ancora una volta decisivo, stavolta in difesa, rispedendo al mittente un tentativo di Wright con una stoppata da cineteca. Il time out questa volta lo chiama Paolini, con 26 secondi sul cronometro e quattro punti da recuperare. Dopo la rimessa Sanders, con una prodezza, ruba il pallone che di fatto chiude la partita e consente ai biancoblu di uscire vittoriosi col risultato finale di 71-75.


Tabellino:


VL Pesaro 71 - Dinamo Banco di Sardegna 75


( 19-18, 11-18, 19-16, 22-23)


Dinamo Sassari: Logan 6, Sosa 4, Formenti, Sanders 11, Devecchi, Lawal 23, Chessa, Dyson 17, Sacchetti, Mbodji 6, Vanuzzo, Brooks 8. Allenatore: Meo Sacchetti.


Consultinvest Pesaro: Ross 9, Myles 17, Basile, Musso 2, Wright 18, Raspino 2, Judge 19, Crow, Tortù, Lorant 4. 

Allenatore: Riccardo Paolini


Arbitri: i signori: Martolini, Rossi e Weidmann.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo