Scuola di surf estiva a Porto Ferro

Il mare e l’ambiente in genere rappresentano due risorse fondamentali per il territorio sardo e si offrono, particolarmente nel periodo estivo, a fungere da contesto e fondamentali elementi di stimolo ed attuazione di diverse pratiche sportive, tra cui quella in continua diffusione del surf da onda. Utilizzando così il divertente e formativo sport del surf da onda si possono diffondere i concetti e le buone pratiche del rispetto e difesa dell’ambiente, in particolare nel contesto costiero, oltre che avvicinare i giovani alle tematiche della sicurezza e del salvamento in mare quale strumento imprescindibile nel sistema di protezione civile ed in genere della tutela della vita umana.

Sulla base di tali presupposti l’Associazione Vo.S.Ma. ONLUS, quale organizzazione di protezione civile operativa nella Regione Sardegna da quasi 20 anni lungo le coste del Nord dell’isola, ha elaborato un progetto denominato "Surf Rescue School Vo.S.Ma. - Ambiente, sport, sicurezza e socializzazione imparando a conoscere il surf" in fase di realizzazione pratica che, in collaborazione con l’ASD Bonga Surf School, attraverso il sistema della “Surf School” e, quindi con l’avvicinamento graduale ed assistito di giovani tra i 18 ed i 35 anni allo sport del surf da onda, possa efficacemente trasmettere i contenuti di tutela ambientale e sicurezza in mare così da renderli patrimonio di vita dei partecipanti all’iniziativa.
Il progetto verrà realizzato con il prezioso contributo della Fondazione Banco di Sardegna presso la stupenda baia di Porto Ferro, scenario denso di ricchezze naturalistiche e meta d’eccellenza di numerosi surfisti internazionali, tra metà agosto e la prima quindicina di settembre con la programmazione di incontri specifici totalmente gratuiti e sotto la direzione formativa del campione di surf Marco “Bonga” Pistidda.

Per partecipare all’iniziativa, che non prevede alcun costo di iscrizione, bisognerà trasmettere tramite posta elettronica il modulo predisposto per l’evento e reperibile cliccando su un link
https://docs.google.com/document/d/12XGKAULS15WVh7hkUSiFP4pMI7zUIss-a8FWwIub_cQ/edit
disponibile anche all’interno dell’evento pubblicato su Facebook “Surf Rescue School 2015@Spiaggia Porto Ferro” al recapito e-mail surfrescueschoolvosma@gmail.com entro le ore 22:00 di domenica 09/08/2015. Successivamente gli interessati selezionati in base all’ordine di trasmissione delle domande sul modulo debitamente compilato e firmato e scannerizzato verranno contatti per procedere all’organizzazione delle attività.
L'iniziativa fondata su un progetto di sensibilizzazione ambientale ed alla sicurezza in mare attraverso la pratica sportiva del surf da onda è caratterizzata da diversi aspetti.
Metodologia di lavoro
• Riunione conoscitiva tra operatori e beneficiari;
• Lezioni teorico-pratiche di educazione ambientale, pratica del surf e illustrazione delle peculiarità naturali dei contesti litoranei di riferimento;
• Monitoraggio costante da parte degli operatori riguardo sicurezza e coinvolgimento dei partecipanti;
• Organizzazione di momenti di condivisione tra i partecipanti al fine di confronto delle esperienze e sensazioni individuali volta per volta vissute nell’immediato “dopo surf” e maturate con la mediazione degli operatori.
La Sperimentazione Ludica Assistita sarà il metodo di apprendimento fondamentale del training attraverso l'interazione continua con gli elementi naturali (mareggiate, venti ed elementi marini in genere)
Le attività prevedono:
• acquaticità e pratica del nuoto (sviluppo e perfezionamento della confidenza con l'acqua)
• seminario pratico di surf come sport ricreazionale e ausilio professionale di soccorso;
• seminario di tecnica, strumenti e significato del salvamento a mare, pratica e coinvolgimento in esercitazioni ludico-competitive di soccorso;
• azioni di tutela ambientale costiera;
• attuazione ragionata di intervento di accessibilità balneare agevolata per disabili, analisi degli ausili e sperimentazione ludica della condizione di disabilità e verifica della funzionalità dell’intervento.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo