Università. Conto alla rovescia per i test d'ingresso

È partito, anche all'Università di Sassari, il conto alla rovescia per le prove di ammissione ai corsi di laurea a numero programmato. Professioni sanitarie il 4 settembre, Medicina e odontoiatria l'8, Medicina Veterinaria il 9, Scienze dell'Architettura e del progetto il 10 settembre. A seguire, gli altri test che consentiranno di accedere ai restanti corsi a numero programmato dell'Ateneo. Chi li ha provati, sa che i cosiddetti "quizzoni" presentano difficoltà peculiari, non solo legate alla effettiva conoscenza delle materie oggetto della prova: il tempo che scorre, la tensione che cresce, la consapevolezza di giocarsi, con le crocette, una parte importante del proprio futuro.

Consapevole di tutto ciò, l'Università di Sassari, in collaborazione con i professionisti del settore Alessandro Lai e Domenico Delogu, ha organizzato il 27 agosto, nel Complesso didattico del Dipartimento di Chimica e farmacia, una prova generale destinata ai candidati desiderosi di "rompere il ghiaccio" prima dell'appuntamento ufficiale. All’iniziativa, completamente gratuita, hanno partecipato 450 studenti provenienti da tutta la regione. La media dei punteggi dei partecipanti è stata di circa 30 su 90 punti, un risultato inferiore alla media nazionale, ma in crescita rispetto agli anni scorsi.

“È il momento di creare più opportunità per i nostri studenti – afferma il Delegato rettorale per l'Orientamento prof. Eugenio Garribba - Il test prevede una graduatoria nazionale e circa la metà delle matricole che entrano nel Corso di laurea di Medicina e chirurgia non sono studenti sardi. Questo perché nelle altre regioni d'Italia gli studenti cominciano a prepararsi già dal 3° o 4° anno di scuola superiore. L'Università di Sassari ha attivato diversi percorsi di preparazione ed orientamento, come il progetto UNISCO, che mirano ad avvicinare gli studenti delle scuole superiori agli ambienti universitari”. Alla prova del 27 agosto era presente anche il presidente del Corso di laurea in Medicina veterinaria prof. Cesare Cuccuru.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo