Alghero, collaudato il depuratore
Le acque saranno usate per i campi

 (foto: Ufficio stampa Comune Alghero)
(foto: Ufficio stampa Comune Alghero)
ALGHERO. È stato ultimato l’intervento di potenziamento del depuratore di San Marco. È stato realizzato il comparto terziario di filtrazione che consente ad Abbanoa di conferire all’uso irriguo tutte le acque depurate prodotte dall’impianto. Le opere realizzate consistono nell’inserimento di un nuovo modulo di filtrazione a tela su dischi ed uno di sterilizzazione a raggi ultravioletti, capaci di garantire, nel complesso, il raddoppio del trattamento della massima portata conferibile, passando dai 750 mc/h fino a circa 1500 mc/h.
L’opera che venerdì è stata collaudata, e verificata nel suo funzionamento, consente di affinare fino a 30.000 mc al giorno di reflui che potranno essere destinati all’uso irriguo. Il nuovo progetto di potenziamento, realizzato dal raggruppamento di imprese che ha costruito il nuovo depuratore (SIBA, Mario Ticca Srl, Sagidep) consiste nel raddoppio delle linea attuale di filtrazione e disinfezione e consente, oltre di affinare portate superiori a quelle precedenti, anche di effettuare eventuali manutenzioni straordinarie senza compromettere il livello di depurazione delle acque e di poter conferire all’uso irriguo con continuità.
A seguito della verifica tecnica di oggi, eseguita dall’Ing. Moritto, dirigente del Consorzio di Bonifica della Nurra, anche questa struttura potrà essere utilizzata da Abbanoa che la gestirà in sincrono con l’impianto principale. L’opera oggi conclusa a San Marco fa parte di un più ampio progetto di complessivi 1.900.000 euro, somma disponibile dal risparmio registrato in fase di realizzazione dell’impianto. I lavori affidati al raggruppamento di imprese comprendono anche opere tuttora in corso: interventi migliorativi nell’impianto del Mariotti, nella sua nuova configurazione di impianto di sollevamento; la riqualificazione dell’impianto di sollevamento nella zona Taulera, che in occasione di eventi meteorici accusa fenomeni di sversamento nel vicino corso d’acqua. Lavori edili ed opere elettromeccaniche metteranno fine ai disagi. Sarà inoltre realizzato un nuovo collettore fognario nella zona del Cimitero, a completamento della vasca di contenimento già eseguita recentemente. L’opera servirà ad evitare che, in presenza di forti portate determinate dalle eccezionali piogge, i reflui trovino sbocco verso il mare tramite il canalone di San Giovanni. Al fine di dotare la borgata di Sa Segada di un sistema di depurazione più efficiente, infine, saranno eseguiti appositi lavori nell’impianto attualmente in uso ma carente in alcuni aspetti della funzionalità.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Comune Alghero)