Marea nera, scende in campo Fresu
Su Youtube il suo eco-appello

 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)
SASSARI. Sulla cosiddetta marea nera che ha colpito le coste del Nord Ovest Sardegna in seguito all'incidente dello scorso 11 gennaio scende in campo anche il trombettista jazz di fama internazionale Paolo Fresu, originario di Berchidda. Il musicista ha lanciato su Youtube un "eco-appello" per salvare le coste nord dell' isola, "violate e offese" dalle migliaia di litri di olio combustibile riversatasi in mare durante le operazioni di rifornimento di olio combustibile della centrale E.On di Fiumesanto.
Il catrame rappreso si è spiaggiato in un fronte che va da Santa Teresa di Gallura fino a Stintino, l'olio ha macchiato gli scogli e sono ancora in corso le operazioni di bonifica.

La mobilitazione su Facebook. Fresu ha lanciato l'appello dopo aver aderito all'invito del Gruppo (nato su Facebook) d'intervento disastro ambientale Porto Torres e del suo portavoce Massimiliano Cordeddu. Il video di Fresu è stato girato grazie alla collaborazione di alcuni volontari dell'associazione Amnesty International. «Sono profondamente preoccupato ed esterrefatto - dice Fresu nell'appello - da questa 'marea nera' che si è abbattuta sulle coste Nord della Sardegna. Preoccupato naturalmente per il territorio, per la Sardegna stessa, per le coste bellissime, ma soprattutto molto offeso ed arrabbiato, come credo molti, per il fatto che non si sta parlando assolutamente di questo problema e, questo significa ancora una volta come è stato per i pastori e, per molte altre cose, che la Sardegna è un posto dimenticato, apparentemente, dall'impero». «Come spero - conclude Fresu - che si possano trovare delle soluzioni, non solo per risolvere il problema ecologico di questo momento che è realmente gravissimo, ma che poi, si possa trovare anche una soluzione di dialogo per il futuro tra la nostra Regione e il Governo centrale».


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)