Aggrediti e rapinati tre giocatori della Torres e una ragazza dopo il match con l'Olbia

Aggrediti e rapinati. E’ successo nel post partita di Olbia – Torres, gara terminata con la vittoria dei rossoblu per 2-0.Finita la partita quattro persone, tre giocatori della Torres e la fidanzata di uno di loro, si stavano dirigendo alla macchina della ragazza parcheggiata sul lungomare. Il gruppo è stato seguito e poi aggredito da una banda di cinque persone, uno a volto coperto, che hanno spintonato e colpito improvvisamente i ragazzi con calci e pugni.A uno dei rossoblu è stata strappata la borsa contenente l’ipad e il rapinatore è fuggito. Gli altri 4 hanno continuato l’aggressione, sotto gli occhi atterriti della ragazza, e solo l’intervento di alcuni dirigenti della Torres, che stavano transitando in macchina in quel momento, ha evitato il peggio. La colluttazione è proseguita per qualche secondo prima della fuga dei delinquenti e l’arrivo della Polizia.Sono state raccolte tutte le testimonianze e stamane la società sporgerà denuncia per l’aggressione e la rapina.Il fatto, già gravissimo di per sé, è stato reso ancora più odioso ed esecrabile dal fatto che fosse presente una ragazza, allo stesso modo aggredita e spintonata.L’episodio, con protagonisti dei criminali che hanno agito vigliaccamente, arriva a distanza di due settimane da un’altra aggressione subita dai rossoblu, questa volta dentro il campo, nell’intervallo della gara di Grosseto. In quel caso nessun provvedimento è stato preso ma ad essere stata punita è stata la Torres. Oggi a Olbia, con assenti i tifosi per effetto di un’ordinanza che impedisce ai sassaresi di poter seguire la propria squadra, un'altra aggressione ai giocatori.La Società condanna l’accaduto e collaborerà con le forze dell’ordine per arrivare ai responsabili ma al contempo esprime tutta la propria solidarietà alla ragazza e ai suoi tesserati e chiede maggiore tutela, a tutti i livelli.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo