Violenza e risse da bar, chiuso a Sassari il Circolo dei cacciatori

Stamane i Carabinieri di Sassari hanno notificato al presidente pro-tempore del circolo privato “Dei Cacciatori” il provvedimento di sospensione della licenza emesso dal Questore di Sassari a seguito dei fatti recentemente avvenuti in via Munizione Vecchia.
L’ultimo episodio di violenza risale infatti al 2 gennaio scorso, quando alle 21.30 circa, quando un cuoco sassarese di 36 anni, era stato vittima di una feroce aggressione nata presumibilmente a seguito di una provocazione o di qualche bicchiere di troppo consumato nei pressi dell’esercizio pubblico.
Le indagini dei Carabinieri avevano consentito di identificare rapidamente il responsabile del brutale assalto in un pluripregiudicato sassarese di 33 anni e, allo stesso tempo, avendo riscontrato una certa reticenza a riferire su quanto accaduto da parte di chi aveva probabilmente assistito alla lite, altre due persone, tra cui lo stesso gestore del circolo, erano state denunciate per favoreggiamento.
Il provvedimento emesso dal Questore avrà questa volta una durata di 30 giorni in quanto il luogo di ritrovo non è nuovo a episodi di violenza. Esattamente un anno fa, infatti, era scoppiata una rissa tra quattro pregiudicati all’interno di quei locali e il circolo era stato poi chiuso per 15 giorni.
La continua attività di monitoraggio e prevenzione, posta in essere congiuntamente da Arma dei Carabinieri e Polizia di Stato nel centro storico ha permesso di arrivare a questo significativo risultato. I controlli saranno ora estesi anche ad altrie zone della città, al fine di evitare che i luoghi frequentati da pregiudicati siano il fulcro per il verificarsi di episodi di violenza e turbamento dell’ordine pubblico.        

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo