Accordo tra il comune di Golfo Aranci e l'Istituto EuroMediterraneo per i giovani

OLBIA. «Il Comune di Golfo Aranci è da sempre interessato a sostenere percorsi che possano favorire i giovani e creare nuove opportunità di crescita per tutto il territorio. La firma dell’accordo bilaterale con l’Istituto EuroMediterraneo è un importante tassello del più ampio mosaico di attività di crescita interculturale messe in campo dall’amministrazione e costituisce quel valore aggiunto per sfruttare al meglio le opportunità offerte oggi dall’Europa». E’ quanto dichiarato dal sindaco; Giuseppe Fasolino a margine della stipula della convenzione tra Istituto Euromediterraneo-Istituto Superiore di Scienze Religiose, Scuola Internazionale di Formazione, Ricerca e Specializzazione e l’amministrazione comunale di Golfo Aranci finalizzata a fornire uno strumento di assistenza ai giovani sui progetti europei.

«L’Istituto – prosegue il Sindaco - metterà a disposizione i propri servizi di ricerca, analisi e assistenza su tutte quelle progettualità in ambito europeo che rappresentano oggi le nuove e imperdibili sfide per la crescita del nostro paese e di questo territorio. Parallelamente è stato individuato dal Comune e verrà attivato nel breve un punto locale di informazione/animazione territoriale che settimanalmente sarà a disposizione dei giovani e del paese per cogliere tempestivamente eventuali vantaggi che possano scaturire dalla programmazione promossa dall’Unione europea e dal Consiglio d’Europa».

«Siamo profondamente convinti - ha affermato Don Raimondo Satta, Direttore IRSS Euromeditteraneo,- che la convenzione appena stipulata con l’amministrazione comunale sia l’inizio di un percorso che consentirà di promuovere e garantire nuove opportunità per i giovani, in tal senso l’Istituto metterà a disposizione del Comune il proprio know out per l’apertura di uno sportello Eruodesk/IEM già dal prossimo mese di marzo».

«Poter contare – aggiunge Fasolino – sul supporto degli uffici dell’Euromediterrano, rappresenta quella marcia in più che le amministrazioni, i cittadini e i giovani devono poter sfruttare per crescere in contesto sempre più globalizzato e competitivo e dove saper cogliere tutte le possibili risorse e opportunità disponibili è l’obbligo che deve sottendere ogni azione. Un valido aiuto per districarsi tra la miriade di bandi e la loro applicabilità locale, tra la necessità di un percorso formativo all’esterno o l’attivazione di un programma per sviluppare una progettualità locale sfruttando le potenzialità offerte dai programmi regionali, nazionali ed europei».

«Con Don Raimondo Satta ho trovato da subito un’ottima intesa confermata anche dalla grande la soddisfazione di entrambe le istituzioni per aver raggiunto questo importante risultato che sarà rivolto principalmente ai giovani. L’Istituto EuroMediterraneo-conclude Giuseppe Fasolino -, unica realtà universitaria nel territorio che offre l’intero percorso accademico 3+2, rappresenta un fiore all’occhiello per tutta la Gallura e personalmente reputo molto importante per tutti noi sia la sua presenza che la sua crescita. Un’attività che anno dopo anno sta sempre più arricchendo il nostro territorio, implementando percorsi e programmi di studio e offrendo ai giovani nuove opportunità di formazione, di ricerca e di animazione e che da quest’anno consente ai suoi studenti di iscriversi automaticamente al corso di laurea in relazioni internazionali cooperazione e sviluppo presso l’Università di Perugia».


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo