Capelli: "Riconoscere il principio d'insularità è un grosso passo avanti"

L'aula del consiglio regionale (foto: Consiglio.regione.sardegna.it)
L'aula del consiglio regionale (foto: Consiglio.regione.sardegna.it)
“La decisione del governo di recepire l’ordine del giorno presentato dall’onorevole Michele Piras sul riconoscimento del principio di insularità per la Sardegna costituisce un passo di assoluto rilievo che merita un doppio plauso per l’impegno del collega di Sel e per la sensibilità dimostrata dal governo stesso”.

Lo dichiara in una nota il deputato del Centro Democratico Roberto Capelli.

“Si tratta di un passo, appunto, che si pone nel solco del discorso aperto tra dicembre del 2014 e febbraio dello scorso anno con l’approvazione da parte di entrambe le Camere della “mozione Sardegna” presentata da me a Montecitorio e dal collega Uras a Palazzo Madama. In quella sede il Parlamento ha impegnato il Governo ad affrontare le specificità dell’Isola; oggi il Governo stesso si è impegnato a farlo: ci sono ora tutte le condizioni affinché il riconoscimento dell’insularità previsto dal Trattato di Amsterdam si concretizzi; ultima condizione necessaria per riuscirci – prosegue il deputato di Centro Democratico - sarà quella di confermare e rendere ancora più solida l’unità d’intenti tra parlamentari sardi ed eletti in Sardegna di qualsiasi partito, governo nazionale, giunta e consiglio regionale. Così daremo una chance reale alla Sardegna, senza ricorrere al vuoto assistenzialismo ma muovendoci nell’ambito delle precise opportunità offerte dal diritto comunitario. E sarebbe davvero il modo migliore per dare lustro a questo governo e a questa legislatura”, conclude Capelli.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • L'aula del consiglio regionale (foto: Consiglio.regione.sardegna.it)