Caos al Brotzu per la carenza di personale e turni massacranti

Carenza di personale, turni massacranti e trasferimenti dei lavoratori tra i diversi dipartimento. E’ ormai caos senza fine all’ospedale Brotzu di Cagliari. La denuncia arriva dal consigliere regionale Edoardo Tocco (FI) che mette l’accento sul malessere dei dipendenti. <<In tutti i reparti dell’ospedale, a causa della cronica carenza di personale, si registra il demansionamento di infermieri e operatori socio sanitari, che si trovano a svolgere attività non previste dal contratto di lavoro. Occorre che l’assessore si occupi dell’emergenza trovando soluzioni per dotare la struttura sanitaria di nuovo personale>>. Una situazione che è sfociata con una controversia giudiziaria: in alcune corsie è stata infatti aperta una causa contro il mancato riconoscimento delle riqualificazioni assegnate, con le sentenze che hanno dato ragione al personale. <<Un ospedale che si trova a spendere per il risarcimento  - aggiunge Tocco – e non provvede alle assunzioni, da graduatorie esistenti e aperte, di nuovi infermieri e operatori socio assistenziali, dovrebbe interrogarsi sul futuro. L’azienda ospedaliera sul colle San Michele dovrebbe attrezzarsi per un salto di qualità, dando ai professionisti che operano all’interno della struttura tutti gli strumenti utili ad un’assistenza di primo livello>>. E, invece, ecco il paradosso: il Brotzu va in tilt per un giorno di ferie o malattia di un’infermiere o un operatore socio assistenziale. <<Una situazione che aumenta la tensione – conclude Tocco – visto che saltano i turni già stabiliti o, ancora peggio, ci sono dei trasferimenti da un reparto all’altro del complesso sanitario. Un disastro. Come se non bastasse, ci sono norme che vengono rispettate per togliere dei diritti ai lavoratori, che si trovano costretti a svolgere dei ruoli non prefissati in orari molte volte impossibili. Da qui la necessità ormai urgente di provvedere alla riqualificazione del personale con il reperimento di nuove figure dalle graduatorie già esistenti>>.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo