Rissa tra migranti a Sorso, Pietro Serra: "No al carcere, rimpatrio immediato"

Tolleranza zero e rimpatrio immediato per gli immigrati che a Sorso hanno dato vita ad una furibonda rissa con bastoni, mattoni e sega dentata.
E' la posizione dell'associazione "Alternativa Futura per l'Italia", attraverso le parole del presidente, Pietro Serra.
"Diciamo no al carcere per i migranti. Piuttosto vengano rimpatriati nei loro Paesi d'origine, ovvero Nigeria, Costa d’Avorio, Ghana e Mali". "Chi viene qui - prosegue Serra -, deve deve rispettare il luogo in cui viene ospitato. Chi non lo fa, venga caricato sul barcone dalla quale è giunto e rispedito a casa sua".
"E' ormai evidente - conclude - che il multiculturalismo è fallito. Chi vuole integrarsi deve rispettare il nostro modo di vivere, adempiendo quelli che sono i doveri di ciascun cittadino. Sorso rifiuta tali atteggiamenti che non rispecchiano il quadro della società sorsense. Con buona pace di alcune associazioni cittadine legate alla sinistra che in nome dell'uguaglianza privilegiano altri a discapito dei sorsensi".
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo